Germania: ordigno esplode vicino all’auto del consigliere pro-immigrati

Cresce, in Germania, la tensione legata all’accoglienza dei rifugiati. Dopo le numerose proteste,  la notte scorsa alcuni sconosciuti hanno fatto esplodere un ordigno vicino alla macchina di un consigliere comunale della Linke, Michael Richter, in prima linea per l’accoglienza nella cittadina sassone di Freital.

Michael-Richter

 

“Stiamo indagando su un possibile attentato esplosivo mirato”, ha reso noto una portavoce della polizia: “L’auto è stata sequestrata per le indagini tecniche della polizia criminale”.

Intorno all’una di notte, racconta la stampa tedesca, davanti alla casa del politico della sinistra radicale si è sentita una forte esplosione, dopo la quale è salita una nuvola di fumo dall’auto di Richter. In passato il consigliere della Linke – tra gli organizzatori di una manifestazione pro-rifugiati davanti al centro di accoglienza di Freital – ha subito numerose aggressioni verbali, con tanto di minacce di morte. Anche in rete e sui social network diversi gruppi hanno messo il politico nel mirino.

Da mesi la cittadina sassone è teatro di manifestazioni di protesta, contro l’apertura di un centro per rifugiati in un ex hotel, che attualmente ospita circa 380 richiedenti asilo. Negli ultimi due mesi sono state registrate dieci aggressioni ai rifugiati.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -