Orrore a Roma: marocchino attira in trappola una donna e poi la stupra

stupro-isis

 

Ha violentato, picchiato, drogato e sequestrato nel suo appartamento una donna quarantenne romana dalla quale era interessato ad acquistare un telefonino cellulare e un tablet. L’uomo, un marocchino di 33 anni, e’ stato arrestato dai Carabinieri che hanno anche liberato la donna.

La vicenda e’ avvenuta la scorsa notte nel quartiere di Tor Vergata a Roma dove i carabinieri della compagnia di Frascati erano impegnati in una serie di controlli antidroga. I militari hanno sentito delle grida di donna che chiedevano aiuto provenire da un appartamento di un complesso popolare.

All’interno dell’abitazione la scoperta delle violenze subite dalla donna per tutta la serata. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori la donna aveva conosciuto l’uomo ieri sera tramite amicizie comuni e quest’ultimo si e’ subito detto disponibile ad acquistare un cellulare e un tablet usati ma preferiva controllare il valore su internet.

La donna ha seguito il marocchino nel suo appartamento dove dopo essere stata picchiata e’ stata costretta ad assumere crack e cocaina e poi violentata ripetutamente. La donna ha anche tentato la fuga in un momento di lucidita’ ma l’uomo le ha lanciato addosso dell’acqua bollente. Soccorsa e’ stata ricoverata al policlinico di Tor Vergata con ustioni di primo e secondo grado sulle gambe. Il trentatreenne e’ finito in carcere con l’accusa di violenza sessuale, rapina e resistenza a pubblico ufficiale.
(AGI)



   

 

 

2 Commenti per “Orrore a Roma: marocchino attira in trappola una donna e poi la stupra”

  1. Mi spiace per la signora, ma stavolta se le andata a cercare da sola, però non è giusto che questi delinquenti di clandestini la stanno facendo da padrone, fanno quello che ca22o gli piace, e li dobbiamo anche mantenere! il Papa Bergoglio adesso su questi casi di rutin non dice nulla ma ripete sempre le solite frasi I migranti con la loro stessa umanità , prima ancora con i loro valori culturali allargano il senso della fraternità umana, invece io direi I clandestini senza umanità ne pietà senza valori culturali allargano il senso del delinquere.

  2. Concordo pienamente con Borbone ; Papa Francesco do rebbi dire anche on questo caso qualcosa , dovrebbe dire che i migranti non sono solo cultura ma anche e soprattutto questo

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -