Sfratti, Emilia Romagna 2a in Italia: “Risvolti sempre più spesso drammatici”

Sfratti, Emilia Romagna 2a in Italia: “Risvolti sempre più spesso drammatici, occorrono iniziative innovative”

 

disperato

Il problema degli sfratti, aumentati drammaticamente negli ultimi anni, è oggetto di una interrogazione presentata alla Giunta dell’Emilia Romagna Igor Taruffi (Sel).

Arriva all’indomani dell’ennesima tragedia consumatasi nel bolognese, dove un uomo si è tolto la vita alla vigilia dell’esecuzione dello sfratto. Si tratta di un 53enne residente a Casalecchio, che dopo il fallimento della propria attività, è arrivato a vivere una difficile situazione economica, che l’avrebbe portato a togliersi la vita, proprio il giorno prima dello sfratto. Non è un caso isolato, purtroppo. Solo circa 2 settimane prima, a Ponte Ronca, si era registrato un altro suicidio in simili circostanze. Una quarantenne si era impiccata in prossimità del terzo tentativo di sfratto: aveva due figli piccoli e si trovava in difficoltà economiche, tanto da non riuscire a pagare l’affitto.

Ora la problematica degli sfratti giunge sul tavolo della regione Emilia Romagna, dove nel 2014, come evidenzia il consigliereTaruffi, “sono state presentate 20.750 richieste di sfratto, delle quali 5.472 eseguite, collocando la nostra regione al secondo posto dopo la Lombardia”. Questi numeri “si traducono, nel territorio bolognese in uno sfratto ogni 319 famiglie”.

Considerato che “il 28 giugno scorso è scaduta la proroga di 4 mesi per finita locazione a favore delle categorie protette” e che “nel programma di mandato del presidente Bonaccini si fa specificamente riferimento alla necessità di strumenti innovativi per il sostegno e per la garanzia alla locazione a favore delle fasce più deboli della popolazione (fondo affitti)”, Taruffi chiede alla Giunta regionale “quali iniziative voglia intraprendere per intervenire in modo da porre un freno ad una situazione che sta ormai assumendo le dimensioni di una vera e propria piaga sociale, con risvolti sempre più spesso drammatici”.

bolognatoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -