Carcere di Cremona: detenuti stranieri scatenati, 3 agenti in ospedale

Nel carcere di Cremona si registrano numerose aggressioni nei confronti degli agenti di Polizia Penitenziaria da parte dei detenuti. Lo sostiene il Sappe, sindacato autonomo della Polizia Penitenziaria. Aggressioni che avverrebbero “sempre nell’indifferenza dell’amministrazione penitenziaria, che non adotta alcun provvedimento a fronte di queste continue violenze”.

“Ieri mattina – riferisce Alfonso Greco, segretario regionale della Lombardia del Sappe – un detenuto rumeno, ricorrente, voleva uscire dalla cella ad ogni costo, senza aspettare l’autorizzazione dell’agente. Quando è stata aperta la porta, fulmineamente ha aggredito il collega e due altri colleghi che sono intervenuti a soccorso. Risultato, tre agenti in ospedale.

Dopo, in un’altra sezione del carcere, un detenuto marocchino, definitivo fino al 2016, aggrediva un altro ristretto per futili motivi, ma l’aggressione è stata così violenta da cagionare lesioni importanti”. “Con difficoltà i colleghi hanno allontanato l’aggressore. Ora, al di là di tutto, siamo veramente sfiancati. Perché non interviene nessuno? Dove si deve arrivare? Le autorità, tutte le autorità, attendono forse il morto per prendere provvedimenti?”, conclude Greco.

Aggiunge da Roma il segretario generale del Sappe Donato Capece: “Le responsabilità di direttore e comandante per quel che da mesi avviene in carcere a Cremona sono talmente evidenti che mi sorprende come l’Amministrazione penitenziaria non adotti adeguati provvedimenti, come il trasferimento di entrambi”. Capece evidenzia “la professionalità, la competenza e l’umanità che ogni giorno contraddistingue l’operato delle donne e degli uomini della Polizia Penitenziaria con tutti i detenuti per garantire una carcerazione umana ed attenta pur in presenza ormai da anni di oggettive difficoltà operative, le gravi carenze di organico di poliziotti, le strutture spesso inadeguate”. “Attenti e sensibili – conclude Capece – noi poliziotti penitenziari, alle difficoltà di tutti i detenuti, indipendentemente dalle condizioni sociali o dalla gravità del reato commesso. Ma che corrono rischi e pericoli ogni giorno, in carcere, a Cremona, per il solo fatto di essere rappresentanti dello Stato che garantiscono sicurezza e perciò pagano prezzi altissimi in termini di stress e disagi”.

Adnkronos



   

 

 

1 Commento per “Carcere di Cremona: detenuti stranieri scatenati, 3 agenti in ospedale”

  1. Pure gli agenti…….siamo alla frutta.buona fortuna a tutti noi……il borbone

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -