Sindaci francesi: basta preghiere e segni della croce nello sport

Che certi segni della croce sui campi di gioco suonino più come un gesto scaramantico che come un autentico atto di fede, è vero. Meglio comunque così che l’opposto… Da qui, in ogni caso, al vietarli espressamente, con prepotenza e per norma, in virtù di un atto impositivo arbitrario, ce ne passa.

 

segno-della-croce

Farlo rappresenta senza dubbio un gesto estremamente sgradevole ed inquietante: è accaduto in Francia, dove l’Associazione dei Sindaci ha diffuso una nota contenente numerose raccomandazioni per “aiutare” gli eletti a far applicare i principi laicisti nella vita di tutti i giorni. Tali indicazioni riguardano soprattutto le scuole (materne comprese) e le competizioni sportive.

In particolare, agli atleti viene esplicitamente vietato di pronunciare preghiere o ostentare segni religiosi sul campo di gioco. A regola, ciò include anche il segno della croce, come peraltro confermato dal Vicepresidente dell’organizzazione, Patrick Molinoz, che ha fatto espressamente il caso di un calciatore, affiancandolo all’esempio delle giocatrici velate, viceversa consentite dalla Fifa.

«Un Comune non potrebbe sovvenzionare una manifestazione, di cui venga affermato il carattere cultuale, nemmeno se tradizionale ed accompagnata da iniziative culturali o feste», si legge nel comunicato. L’agenzia Médias-Presse-Info, dal canto suo, ha evidenziato come il presidente dell’Associazione dei Sindaci sia François Baroin, figlio di un Gran Maestro del Grand’Oriente di Francia, la più vasta e partecipata sigla massonica d’Oltralpe. E giunge a chiedersi: «Non sapevamo che l’Associazione dei Sindaci di Francia fosse un ramo della massoneria»… Ora ne sono informati.

no cristianofobia



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -