Jobs Act: aziende licenziano e riassumono per avere gli sgravi del governo

Per il momento sono alcune aziende emiliane che si occupano di logistica e facchinaggio al centro di una denuncia della Cgil che punta il dito sui proprietari “furbetti” che licenziano e poi riassumono per ottenere gli sgravi fiscali del governo.

Lo riporta La Repubblica di Bologna:

Il meccanismo, secondo la Cgil emiliana, sarebbe questo: le aziende, che nei casi specifici sono di Piacenza e Reggio Emilia e si occupano di logistica e facchinaggio, propongono ai lavoratori di licenziarsi, magari con un piccolo incentivo, per poi essere riassunti il giorno successivo da una nuova azienda, che lavora negli stessi cantieri e svolge le stesse attività. In questo caso però l’assunzione è con un contratto a termine di sei mesi – il termine minimo per assicurarsi gli sgravi – con l’impegno che al termine dei sei mesi verranno tutti assunti a tempo indeterminato.

“Trascorso quel periodo le aziende, di solito tutte nuove – denuncia la Cgil – avranno ripulito i lavoratori e chiederanno di accedere ai famosi sgravi fiscali, senza aver creato alcuna nuova occupazione”.

Leggi tutto l’artico su Repubblica.it



   

 

 

1 Commento per “Jobs Act: aziende licenziano e riassumono per avere gli sgravi del governo”

  1. Gente schifosa come il Bomba/Frottolo che gli ha dato l’opportunità di farlo con delle leggi ad hoc!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -