GB, Referendum UE e immigrazione nel discorso della regina

 

Un referendum sulla permanenza della Gran Bretagna nell’Ue si svolgerà entro il 2017. Lo ha confermato la Regina Elisabetta leggendo il discorso programmatico del premier britannico David Cameron in apertura della sessione parlamentare. Nel frattempo il governo rinegozierà i termini della partecipazione britannica all’Unione, “a beneficio di tutti i membri dell’Ue”.

regina-elisabetta

 

Ha detto la regina: prima del referendum “rinegozieremo la nostra relazione con l’Ue con l’obiettivo di giungere ad una riforma dell’Ue a beneficio di tutti gli Stati membri dell’Ue”. Poco prima Elisabetta aveva confermato l’intenzione del governo di “elaborare una legge in vista di un referendum sull’appartenenza della Gb all’Ue entro il 2017″, senza dare maggiori dettagli.

”Il governo – ha detto poi la regina – presenterà delle proposte per una Bill of Rights britannica”. Si tratta di una marcia indietro rispetto alla volontà espressa in precedenza dall’esecutivo conservatore di sostituire la Human Rights Act, la legge sui diritti umani promulgata sotto i laburisti, con una normativa più severa che introduca la possibilità quasi automatica di espellere dal Regno Unito i criminali non britannici condannati da un tribunale.

Come ricorda la Bbc, è la prima volta dal 1996 che l’esecutivo di sua maestà è del tutto espressione del partito conservatore. Il premier David Cameron ha affermato che il discorso definirà ”la chiara visione di quello che il Paese può essere”. Fra le leggi più attese, quella che introduce il referendum sulla permanenza nell’Ue, che, secondo i media britannici, avrà un iter parlamentare preferenziale affinché venga approvata in tempi rapidi, sebbene sia prevista una forte opposizione, soprattutto da parte dei nazionalisti scozzesi.

Cameron conta di arrivare ad un voto popolare dopo i negoziati con Bruxelles sul rimpatrio dei poteri ed entro la fine del 2017. Altre misure contenute nel discorso sono la nuova devolution scozzese e la legge contro il fondamentalismo. ansa



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -