20 anni di calcio “avvelenato” dalle tangenti e dai dirigenti della Fifa

fifa-blatter

 

Venti anni di calcio “avvelenato” dalle tangenti e da dirigenti della Fifa che “hanno corrotto il sistema per arricchirsi”. Ma “noi sradicheremo la corruzione dal calcio mondiale”: e’ la promessa fatta dal segretario alla Giustizia Usa, Loretta Lynch, nel corso di una conferenza stampa a New York con il direttore dell’Fbi, James Comey. Blatter, ha aggiunto, non e’ stato “per ora” incriminato.

Per inciso: Le inchieste che spuntano dopo di 20 anni di corruzione convincono fino a un certo punto. La “lotta alla corruzione” è l’arma USA per affermare i propri interessi economici nel mondo

La Lynch ha sottolineato che l’indagine americana ha fatto emergere “milioni e milioni di dollari frutto di corruzione, riciclaggio e di attivita’ di criminalita’ organizzata” e ha denunciato che il vicepresidente della Fifa, Jack Warner, ricevette dal governo sudafricano una tangente di 10 milioni di dollari per ospitare i mondiali del 2010.

Il terremoto scuote la Fifa a poche ore dal Congresso di venerdi’ che dovra’ eleggere il nuovo presidente. La polizia svizzera ha eseguito una retata all’alba, su richiesta della magistratura americana, nell’hotel di Zurigo in cui si svolgono le riunioni della federazione calcistica mondiale: arrestati sette dirigenti, tra cui i vicepresidenti, Jeffrey Webb, ed Eugenio Figueredo. In contemporanea, la magistratura elvetica ha rivelato che da marzo indaga su un’altra inchiesta per il sospetto di “riciclaggio e truffa” in relazione all’assegnazione dei mondiali di calcio del 2018 e del 2022, in Russia e Qatar. Perquisita la sede Fifa di Zurigo, sono stati sequestrati documenti e materiale on-line.

E adesso il presidente della Fifa, il 79enne svizzero che e’ l’uomo piu’ potente dello sport mondiale, trema: ne’ lui ne’ il segretario generale, Jerome Valcke, sono coinvolti nell’inchiesta, ha precisato il portavoce Fifa, Walter De Gregorio, smentendo che la voce che Blatter fosse indagato.

“Siamo parte lesa”, ha tuonato la federazione mondiale, e anzi “l’inchiesta e’ un bene perche’ si fara’ pulizia”; e si e’ difesa sostenendo che l’inchiesta svizzera e’ partita proprio sui richiesta della Fifa;: “Non e’ una giornata piacevole, ma e’ comunque una buona giornata perche’ le cose si stanno muocvendo e non vediamo l’ora di avere risposte”. Il voto di venerdi’ si terra’ ugualmente, ma e’ chiaro che le speranze di rielezione di Blatter per un quinto mandato hanno subito un duro colpo. Il suo unico rivale, il principe Ali Bin Al-Hussein di Giordania, si e’ limitato a commentare che si tratta di “un giorno triste per il calcio”. La Fifa ha anche escluso una nuova votazione sull’assegnazione dei mondiali del 2018 e 2022. “Si terranno regolarmente”, ha assicurato il portavoce.

Le accuse americane vanno dalla corruzione al riciclaggio di denaro fino all’associazione a delinquere, reati commessi in un arco di tempo che copre gli ultimi 24 anni, e hanno portato all’incriminazione di nove dirigenti della Fifa e di cinque uomini d’affari.

L’Fbi ha perquisito la sede di Miami della Concacaf, la confederazione che governa il calcio in America centrale e settentrionale e nei Caraibi. Il procuratore generale, Loretta Lynch, ha spiegato che l’inchiesta riguarda “due generazioni di funzionari del calcio” che avrebbero “abusato della loro posizione” per accaparrarsi “milioni di dollari in tangenti e bustarelle”. I sospettati avrebbero intascato tangenti per oltre 100 milioni di dollari dagli anni ’90 a oggi in cambio di diritti tv, di commercializzazione e sponsorizzazione legati alle partite in America Latina.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -