Cina USA – venti di guerra nel Mare Cinese Meridionale

 

 

Pechino annuncia la pubblicazione della nuova strategia militare, nella quale spicca il principio di “Difesa aggressiva”. Il testo arriva proprio mentre crescono le tensioni con Washington in quella porzione di Oceano Pacifico chiamata Mare Cinese Meridionale, dove la superpotenza asiatica ha avviato da tempo progetti di costruzione di arcipelaghi di isole artificiali, nel tentativo di estendere la propria influenza nell’area. Contrari Filippine, Taiwan, Vietnam e Brunei, ma soprattutto gli Stati Uniti, che temono di perdere l’influenza su un’area strategica.

“Posso capire che alcuni abitanti delle Filippine si sentano agitati” ha affermato la Portavoce del Ministero degli esteri cinese “La Cina ha già esposto la propria posizione su questo argomento. Voglio però ricordare che la Cina non ha intenzione di mettere sotto pressione i piccoli stati che la circondano. Però è anche importante che questi piccoli Stati non devono creare problemi senza ragione. Ci auguriamo che le Filippine la smettano con le provocazioni e tornino a negoziare per cercare di risolvere i problemi”.

Le parole della portavoce del ministro degli esteri di Pechino arrivano a pochi giorni da alcuni episodi preoccupanti. La marina militare cinese ha infatti ordinato ad alcuni piloti statunitensi in volo sull’arcipelago delle isole Spratly di allontanarsi. Arcipelago che Washington non riconosce e che, come già affermato da alcune fonti della Cia potrebbe portare in futuro allo scontro tra Stati Uniti e Cina. euronews

cina



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -