“È un colpo di stato, le banche centrali hanno assunto il controllo”

NEW YORK (WSI) – L’enorme disparità di benessere tra ricchi e poveri “non è la causa di qualche difetto nel sistema capitalistico, o dei tagli fiscali dell’era Reagan, e nemmeno dell’avidità di Wall Street”; il problema è che le banche centrali “sono ormai fuori controllo”.

banche-centrali

 

Lo sostiene David Stockman, ex imprenditore e politico Repubblicano statunitense, secondo cui con le loro manovre ultra accomodanti i banchieri di tutto il mondo “hanno aspirato le risorse finanziarie per investirle in un puro gioco d’azzardo” e sarà chi detiene azioni e bond a pagare le conseguenze del crollo finanziario che deriverà.

“Il 10% dei ricchi possiede infatti l’85% degli attivi finanziari” ed è pertanto grazie alla stampa di denaro quasi senza limiti, che i banchieri hanno creato una inflazione finanziaria su scala mondiale e diseguaglianze gigantesche.

“Le banche centrali hanno creato e poi aggravato il gap di benessere”, sentenzia l’investitore.

La chiosa di Stockman è senza appello:È un colpo di stato, le banche centrali hanno assunto il controllo, hanno il dominio incostituzionale dell’economia intera“.

“Dovunque in tutto il pianeta stanno fornendo segnali distorti e fuorvianti al settore privato e alla gente sui valori finanziari”. Negli Stati Uniti, per esempio, “i prezzi sono stati falsificati dalla Federal Reserve”.

“Non si può ottenere prosperità stampando denaro. La Fed è petrificata all’idea che Wall Street andrà in crisi quando incominceranno a imporre una stretta monetaria” dopo l’altra.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -