Business dei migranti, due arresti a Napoli

 

Il presidente dell’associazione onlus «Un’Ala di Riserva» e la sua compagna sono stati arrestati dalla Guardia di Finanza nel Napoletano con l’accusa di essersi impossessati di denaro destinato all’assistenza agli immigrati. Nell’inchiesta della procura di Napoli sono contestati i reati di truffa, peculato e appropriazione indebita. Nell’ordinanza si evidenzia che si strumentalizzava l’assistenza agli immigrati “per l’utile personale e in funzione di un guadagno illecito”. La coppia era pronta a fuggire in Montenegro.

Con i soldi destinati all’accoglienza dei migranti avevano acquistato un immobile a Milano, una società telefonica a Napoli e preso in affitto il noto locale Kestè di Pozzuoli.

Parallelamente all’inchiesta sulla gestione dell’assistenza ai migranti, la procura di Napoli sta indagando sui soldi (circa un milione di euro) corrisposti all’associazione «Un’Ala di Riserva» dalla Protezione Civile e dalla Regione Campania dal maggio 2011 al dicembre 2012. Per i pm vi sono fondati elementi per ritenere che l’attività della onlus veniva svolta in maniera fraudolenta e che fosse utilizzata da politici locali «per scopi clientelari».



   

 

 

2 Commenti per “Business dei migranti, due arresti a Napoli”

  1. Se venisse confermate le accuse dico solo Che schifo di paese e di politici corrotti, non dico altro.

  2. Non mi sorprende affatto, anzi è il perché tutte queste associazioni onlus premono così tanto all’accoglienza, solidarietà… Sfruttando il buon cuore delle persone che aiutano volontariamente gli immigrati e intanto intascano fior fior di quattrini. Avete mai letto il libro “Confessioni di un sicario dell’economia” libro autobiografico di John Perkins e così capirete molte cose sulle onlus e associazioni “benefiche” varie!! Sveglia!!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -