“Braccia armate del sistema rosso”, Salvini contestato a Perugia

Attimi di forte tensione ieri al termine del comizio del leader della Lega, Matteo Salvini, a Perugia. I circa cento contestatori, fra cui i no tav, che hanno assistito al comizio tenuti a distanza, appena Salvini ha lasciato la piazza hanno cercato di avvicinarsi al gruppo di sostenitori della Lega. Le forze dell’ordine sono immediatamente intervenute frapponendosi e respingendo il gruppo. Nella concitazione un giovane e’ caduto a terra ma non e’ rimasto ferito. Dopo un veloce controllo e’ stato lasciato libero.

Dura la risposta di Salvini. “Non ci possono essere 200 poliziotti, strade bloccate, per portare delle idee – ha detto -. Io fortunatamente oggi ho visto tanta Umbria normale pero’ c’e’ qualcosa che non va , le braccia armate del sistema rosso“. Ai margini della piazza le forze dell’ordine tenevano a distanza circa cento contestatori.

“Questa – ha aggiunto Salvini – e’ una sconfitta della democrazia. Non si puo’ fare un comizio bloccando una citta’ perche’ qualche deficiente ritiene che la Lega non debba parlare. Sono qui – ha detto ancora – per parlare di lavoro, di immigrazione da controllare, di ospedali perche’ gli umbri meritano di piu’, di trasporti da terzo mondo. Pero’ vorrei farlo davanti a tanta gente non impaurita. Non e’ possibile che mamme, papa’, nonni non possono venire a piazza del Bacio a Perugia peche’ ci sono alcuni delinquenti che lo impediscono.
Mi piacerebbe – ha concluso il leader leghista – che la sinistra prendesse le distanze da questi balordi”. (AGI) .

Manifesti imbrattati con vernice rossa

proteste_salvini



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -