Siria: Isis minaccia le rovine di Palmira. 26 civili uccisi: 10 decapitati

Le rovine romane di Palmira, in Siria, patrimonio dell’Unesco, sono minacciate dall’assedio dell’Isis e rischiano di essere distrutte al pari delle citta’ assire di Nimrud, Hatra e Ninive in Iraq.

palmira-siria3

 

Secondo l’Osservatorio per i diritti umani, i miliziani jihadisti hanno ucciso 26 civili, dieci dei quali sono stati decapitati, in un villaggio vicino alla citta’ citata anche nella Bibbia, nella provincia di Homs. “Gli jihadisti – afferma la Ong – hanno giustiziato 26 civili, di cui 10 per decapitazione, per la loro collaborazione con il regime”.

isis-palmira

Nei villaggi vicino il sito archeologico l’armata si era ritirata, secondo l’Osservatorio. Secondo il direttore delle antichita’ e dei musei, Maamoun Abdulkarim, l’esercito sta invece ancora difendendo il sito patrimonio, ma i miliziani jihadisti sono ormai a 1-2 chilometri dall’obiettivo. “Distruggeranno tutto quello che troveranno la’ e sara’ una catastrofe internazionale”, ha avvertito.

“Il mondo deve mobilitarsi prima e non dopo la distruzione dei tesori”, ha aggiunto. Combattenti dello Stato islamico contattati online dall’agenzia Reuters hanno detto che una base aerea vicino Tadmur (nome in arabo della cittadina sorta in prossimita’ delle rovine) e’ stata attaccata a colpi di artiglieria pesante. Un miliziano ha aggiunto che sono state attaccate anche area intorno al carcere della citta’, dove si ritiene che siano imprigionati altri militanti. “Anche l’aeroporto e’ un grande deposito di armi, e vogliamo conquistralo“, ha aggiunto.

palmira-siria2

Una fonte dell’esercito siriano ha spiegato che combattimenti sono in corso nella vicina al-Sukhna, ma ha assicurato che i militari di Damasco tengono le posizioni.
Secondo l’Osservatorio, nei combattimenti sono morti mercoledi’ 70 soldati e 40 jihadisti. Palmira e’ contesa perche’ si trova lungo la strada che taglia il Paese da ovest a est e che collega Homs a Deir al-Zor e per questo era stata gia’ al centro di scontri tra l’esercito e i rivoluzionari moderati siriani, ed inserita dall’Unesco nella lista dei siti in pericolo, aggiornata nel 2013. Poco a nord ci sono i pozzi di gas naturale di Shaer gia’ piu’ di una volta persi e riconquistati da ambo le fazioni.

“Palmira e’ un tesoro insostituibile per il popolo siriano, e deve essere salvato”, ha affermato il direttore generale dell’Unesco Irina Bokova, chiedendo alle truppe governative e ai miliziani estremisti di “risparmiare le rovine” della citta’ che fiori’ nell’antichita’ come punto di sosta per le carovane che attraversavano il deserto siriano, tanto da essere soprannominata “La sposa del deserto”.

palmira-siria2

Intanto oggi si e’ saputo che il gruppo terroristico Al-Murabitoun, fondato dall’algerino Mokhtar Belmokhtar, ha aderito allo Stato Islamico. “Il movimento Al-Murabitoun promette fedelta’ al califfo dei musulmani Abu Bakr al-Baghdadi, allontanando cosi’ divisioni e dissensi all’interno della nazione”, ha affermato uno dei leader del gruppo, Adnan Abou Walid Sahraoui, in un video trasmesso dall’agenzia mauritana Al-Akhbar. Belmokhtar, al secolo Khaled Aboul Abbas o ‘Il guercio’, viene ritenuto la mente dell’attacco all’impianto Amenas in Algeria nel 2013. Veterano della guerra in Afghanistan – dove perse l’occhio sinistro – e’ stato ribattezzato anche ‘Mr Marlboro’ per le sue operazioni di contrabbando di sigarette. Belmokhtar e il suo gruppo erano in precedenza affiliati ad al-Qaeda. (AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -