Putin denuncia “i tentativi di creare un mondo unipolare”

 

putin

 

Il presidente russo Vladimir Putin ha denunciato ieri “i tentativi di creare un mondo unipolare” nel suo discorso sulla piazza Rossa alla parata per il 70/o anniversario della vittoria sovietica nella seconda guerra mondiale. Parole che possono essere interpretate come una critica nei confronti degli Usa.

“Negli ultimi decenni – ha dichiarato inoltre il leader del Cremlino – i principi base della cooperazione internazionale sono stati ignorati sempre più spesso”.

Quanto agli Usa, ad aprile, era stato annunciato che l’invito del Cremlino ad assistere alla Parata in Piazza Rossa del 9 maggio era stato rifiutato da Obama. Gli Stati Uniti sono stati comunque rappresentati dall’ambasciatore in Russia John Tefft. Mentre si profila una prossima visita di John Kerry a Sochi a giorni.

Ieri mattina, in tribuna, alla parata militare, i big partner della Russia: in particolare l’Oriente in pompa magna, a partire dal leader cinese Xi Jinping, sino al presidente indiano Pranab Mukherjee. Nonchè il Segretario generale dell’ONU Ban Ki-moon, e anche i capi di stato di Vietnam e Mongolia. Tanti leader nazionali hanno assistito, compreso il presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi, il cubano Raul Castro (applauditissimo dagli spalti, quasi quanto lo stesso Putin), il venezuelano Nicolas Maduro.

Dalla tribuna della parata, il capo del Cremlino ha ringraziato la Gran Bretagna, la Francia e gli Usa per il loro contributo alla vittoria sulle forze nazifasciste. Ma è anche tornato a puntare il dito contro “una concezione di mondo unipolare” promossa dagli Stati Unit



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -