Iraq: attacco al carcere, decine di morti e molti terroristi evasi

Rivolta in una prigione nel nord di Baghdad: 12 guardie e 30 prigionieri sono morti e circa 40 detenuti sono riusciti a evadere. Lo ha riferito Saad Maan, portavoce del ministero degli Interni. Alcune fonti riferiscono invece che sarebbero centinaia i terroristi fuggiti.

prigione-iraq

Le violenze sono esplose venerdi’. Secondo una prima versione, un detenuto si sarebbe impossessato della pistola di una guardia carceraria e “dopo averla uccisa ha sequestrato le armi presenti in un magazzino” della struttura, ha detto Maan sottolineando che negli scontri sono morti un tenente e altre guardie.

Anche i 30 detenuti morti erano in carcere con accuse relative al terrorismo. La prigione si trova a Khalis, a circa 50 chilometri da Baghdad. Le evasioni sono frequenti nel Paese: nel luglio 2013 erano fuggiti dai due principali carceri oltre 500 prigionieri.

Contemporaneamente Isis rivendica l’attacco al carcere effettuato al fine di liberare i prigionieri, per lo piu’ terroristi. Comunque sia andata, è stata una strage.

isis-prison-iraq

isis-kalis-prison



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -