Sardegna, orrore a Orune: 19enne ucciso a fucilate in faccia

 

E’ stato ucciso con almeno tre fucilate che lo hanno raggiunto al volto e al fianco Gianluca Monni, il diciannovenne freddato stamane a Orune, in provincia di Nuoro.
Il giovane, incensurato, era alla fermata dell’autobus, in una via centrale del paese. Mentre, assieme ad alcuni compagni attendeva il pullman che lo avrebbe dovuto portare a Nuoro dove studiava, e’ stato avvicinato da due uomini col volto coperto che hanno esploso alcune fucilate contro di lui per poi fuggire a bordo di un’auto.

Sul posto sono intervenuti alcuni volontari del 118 che hanno la sede vicino al luogo dell’omicidio ma per il giovane non c’era piu’ niente da fare. Sono nel frattempo giunti i carabinieri della compagnia di Bitti e quelli del reparto operativo del comando provinciale di Nuoro. Al momento vengono sentiti alcuni testimoni per tentare di fare luce su un omicidio che al momento appare inspiegabile. agi

AGGIORNAMENTO

“L’unica cosa forte che poteva essere capitata e di cui eravamo a conoscenza, è stato un litigio scoppiato con dei ragazzi poco tempo fa, in cui Gianluca ha difeso la sua ragazza”. Lo raccontano i compagni di scuola dello studente ucciso a Orune Gianluca Monni. La fidanzata è una studentessa del tecnico Agrario Bernardo Brau. Stamani era anche lei in attesa di prendere il bus, ma alla fermata successiva a quella dove è stato ucciso il suo ragazzo, che, dopo l’agguato, ha cercato di soccorrere.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -