Ucraina, Kiev ferma il giornalista Fracassi. Un problema di libertà

 

fracassi

di Giulietto Chiesa

h. 19:30 – Apprendiamo ora che il collega e amico Franco Fracassi è stato fermato all’uscita dell’aereo atterrato all’aeroporto di Kiev oggi pomeriggio circa alle 17,15, mentre si apprestava a partire per Odessa, e trattenuto in camera di sicurezza, in attesa di essere espulso entro le 10 di domani mattina, in corrispondenza con il primo volo per l’Italia.
Secondo quanto affermato da Fracassi, raggiunto per telefono alle ore 18,30, la motivazione del fermo sarebbe stata che l’anno scorso avrebbe scritto articoli che recavano danno all’immagine dell’Ucraina.
L’ambasciata d’Italia a Kiev è stata raggiunta per telefono e informata alle 18,45.

Si attende dunque un intervento formale dell’ambasciata italiana presso le autorità ucraine perché motivino le ragioni dell’inqualificabile atto che limita la libertà di esercizio giornalistico sul territorio europeo.
La motivazione stessa adottata dimostra fino a qual punto si spinge un governo nato all’insegna di un colpo di stato nazista.

AGGIORNAMENTO
h. 22:00 – Franco Fracassi è stato rilasciato alle 21:30 dalle autorità ucraine, a seguito dell’interessamento dell’ambasciata italiana a Kiev. Su consiglio dello stesso ambasciatore, non proseguirà il viaggio verso la città di Odessa. Il rientro del giornalista in Italia è previsto nella mattinata del 2 maggio.

megachip



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -