Ucciso a sprangate per difendere la moglie dallo stupro, 4 tunisini arrestati

POLIZIA
La vittima era un bracciante agricolo romeno, Nicu Radicanu, di 38 anni. Quattro tunisini, che hanno confessato davanti al pm, sono stati condotti nel carcere di Ragusa

E’ stato ucciso a colpi di spranga in testa, il 26 aprile scorso, per avere tentato di difendere la moglie, di 53 anni, da una violenza sessuale di gruppo, poi avvenuta. Per questo la polizia di Ragusa ha fermato quattro tunisini. La vittima era un bracciante agricolo romeno, Nicu Radicanu, di 38 anni. Gli aggressori sono ora accusati di omicidio, sequestro di persona e violenza sessuale di gruppo aggravata.

E’ la ricostruzione del delitto che emerge dalla indagini della polizia di Stato, eseguite da Sco di Roma, squadra mobile di Ragusa e commissariato di Vittoria. La deposizione della donna è stata determinante, ma non è stato facile individuare i responsabili del delitto proprio perché non conosceva le loro generalità. I quattro, che hanno confessato davanti al pm, sono stati condotti nel carcere di Ragusa tgcom24

Condividi l'articolo

 



   

2 Commenti per “Ucciso a sprangate per difendere la moglie dallo stupro, 4 tunisini arrestati”

  1. Ma, io penso ke il judice delle indagini già li ha mandati in qualke bel resort a 5stelle per riposarsi !!!!!

  2. fra un mese saranno ai domiciliari!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -