Soccorso rosso per ripulire l’immagine del teppistello di Milano

Di Mattia Sangermano abbiamo parlato qui, vedi video in fondo all’articolo pubblicato dal Reparto Celere

Parlando della città messa a ferro e fuoco, il sinistro giovanotto si dice fiero e contento delle devastazioni che, secondo lui, sono necessarie e fanno parte della protesta. Inoltre si dichiara dispiaciuto di aver avuto oggetti contundenti a portata di mano e di non aver contribuito alle violenze, alle quali avrebbe partecipato volentieri. “E’ stata una bella esperienza”, ha detto lo sciagurato.

Mattia, riporta il Corriere, studia al liceo economico-sociale Cairoli di Pavia dove è stato bocciato due volte. “Bazzica i centri sociali perché ama il rap e il rock alternativo, ma se gli chiedete i motivi della manifestazione no Expo fa confusione.

Mattia-Sangermano

Il soccorso rosso, per ripulire l’immagine del teppistello, è arrivato puntuale e velocissimo con un’intervista esclusiva

 

Mattia Sangermano ha vent’anni ed è uno studente di Pavia. Durante gli scontri del corteo No Expo del primo maggio, è diventato protagonista per le frasi pronunciate in tv in difesa dei violenti che hanno messo a ferro e fuoco Milano. Adesso però è pronto a chiedere scusa per le sue parole. “Mi sono accorto solo alla fine di cosa stava succedendo, non sono un violento e non romperei mai una vetrina. I miei genitori si sono arrabbiati moltissimo e sui social network mi prendono in giro, sono pronto a dare una mano a pulire la città”. E conclude: “Dopo il casino che ho combinato, basta manifestazioni per me”

(di Antonio Nasso, Alberto Marzocchi ed Elena Peracchi)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -