La Caritas non rinuncia al business: canali regolari di ingresso per i migranti

caritas-Forti

 

Il problema non è solo combattere gli scafisti ma sottrarre loro materiale umano, quel carico enorme di disperati «che fuggono con i loro figli da bombe, guerre e tagliagole verso l’Europa ma che non hanno un canale regolare per arrivare nei paesi Ue ma solo la possibilità di mettersi nelle mani di questi criminali».

Presunti profughi nell’hotel a 4 stelle: vogliamo pure internet e una palestra (carico enorme di disperati)

Il responsabile immigrazione della Caritas italiana, Oliviero Forti in queste ore in Tunisia per organizzare dal 15 al 18 giugno una riunione di tutte le Caritas del Mediterraneo proprio sull’emergenza immigrazione, chiede che almeno si riaprano in Europa e nel nostro paese canali regolari di ingresso, dopo la fine del Decreto flussi che ha, di fatto, interrotto ogni possibilità di perforare legalmente la corazza predisposta dalla Ue. Questo, secondo la Caritas, «è il problema», anche in relazione all’annunciata crescita dei flussi per motivi umanitari, viste le situazioni di guerra in Siria, Iraq, Libia e la perenne instabilità dell’intero Medio Oriente.

Tornare a Mare Nostrum
«Innanzitutto andrebbero posti in paesi dove si rispettano i diritti umani, poi occorrerebbe capire cosa accadrebbe – argomenta Forti – a quanti, famiglie, donne e bambini, non vengono ammessi a poter coronare il loro progetto migratorio. Come si assicurerebbe un loro ritorno a casa ed, infine, chi gestirebbe questi campi e con quali fondi». Secondo la Caritas, infine, va ripristinata l’Operazione Mare Nostrum al più presto anche a livello europeo. «I dati ci dicono chiaramente – ha concluso Forti – che non è vero che con questa operazione umanitaria si sono incentivate le partenze». askanews



   

 

 

2 Commenti per “La Caritas non rinuncia al business: canali regolari di ingresso per i migranti”

  1. Ma per favore smettetela Caritas, Ciellini, Vaticano, Volontari a scopo di lucro come Roma Capitale, e altre associazioni solo per il Dio Denaro, ma per i pensionati Italiani non dite mai nulla, come non avete mai speso non una parola ma almeno un accenno ai Poveri Imprenditori e Artigiani ONESTI maiuscolo perché sono gli unici in Italia che lo hanno meritato perché con la crisi prima hanno pagato gli operai e non hanno pagato Equitalia e di conseguenza sono stati costretti al suicidio.
    Perché non ne parlate? forse non c’era nulla da m…….!!!!!

  2. Mare Nostrum è stato è stato una forma di trasporto a mezzo taxi degli emigranti e la Caritas e tanti altri organismi ci marciano sopra a più non posso.
    A queste organizzazioni, a prescindere dal buonismo di facciata, interessa l’enorme giro di danaro che circola in questa faccenda. Sono cattolico ,ma non coglione. Gli emigranti dobbiamo bloccarli e non farli passare con un blocco navale ma soprattutto dobbiamo distruggere, sulla costa, tutti quei mezzi che servono al trasporto di questa gente. Gommoni ,pescherecci vecchie carrette debbono essere distrutti prima che questi disgraziati ci salgano sopra. Con i DRONI PREDATOR questo è possibile, ci saranno anche dei morti sicuramente ma certamente meno di adesso, inoltre arriveranno da noi meno emigranti.
    Ma forse alla Caritas questo non piace, gli mancherebbe un buon lavoro!!!
    Io non darò più il 5 per mille alla Chiesa Cattolica.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -