A Imola infestazioni da “Processionaria”, dalla Ausl rischi e i rimedi

processionaria

 

Nelle ultime settimane sono arrivate varie segnalazioni della presenza di “Processionaria” su aree private e pubbliche della città. Lo rende noto un comunicato di Ausl Imola, che spiega che la Traumatocampa pytocampa ( meglio conosciuta appunto con il nome di “Processionaria” del pino), è una farfalla: i suoi bruchi, di colore bruno-arancione, danneggiano in maniera evidente le conifere, nutrendosi dei loro aghi, e possono scatenare a persone ed animali reazioni allergiche a causa dei micropeli urticanti che presentano sul dorso. L’insetto, in questo periodo dell’anno, si presenta come una larva lunga da 1 cm fino a 3 cm e mezzo, è dotato di numerosi peli irritanti utilizzati come tecnica di difesa.
Proprio in questi giorni le larve mature abbandonano la pianta ospite e in fila indiana si dirigono in processione verso un luogo adatto in cui interrarsi.

Questo fenomeno durerà ancora per alcune settimane e quindi è necessario – avvisa l’azienda sanitaria – “che chi frequenta aree verdi controlli che siano libere dal fastidiosissimo insetto e, soprattutto, è bene evitare di fermarsi nei pressi di piante sempreverdi che presentano sulla chioma i nidi della processionaria, una matassa di fili di colore bianco visibile ad occhio nudo.”
E’ infatti necessario “evitare in qualsiasi modo il contatto, soprattutto per i bambini e per gli animali domestici, per questi ultimi l’inalazione o l’ingestione dell’insetto può persino essere letale.”
Nell’uomo, la dermatite è la forma più frequente di reazione, fa sapere ancora Ausl. In questi casi è utile intervenire con ghiaccio, con un antistaminico o con l’applicazione di creme a base di sostanze antistaminiche e/o cortisoniche.

In queste settimane l’UOC di Igiene e Sanità Pubblica del Dipartimento di Sanità Pubblica dell’Ausl di Imola ha effettuato controlli su alcune aree verdi pubbliche e private. Quando si rileva la presenza della Processionaria la zona viene recintata e interdetta dagli enti comunali preposti.
Nelle aree private è invece il proprietario che attua la verifica e se necessario, tramite ditte specializzate, opera la bonifica delle piante infestate.

Per la lotta alla processionaria occorre intervenire in diversi momenti dell’anno: in pieno inverno, laddove tecnicamente possibile, tagliando e bruciando i nidi larvali, adottando cautela e adeguate misure protettive personali. Poiché il taglio non abbatte completamente l’infestazione, a fine estate, verso la metà di settembre, bisogna effettuare ripetuti trattamenti alla chioma degli alberi con preparati microbiologici. Mezzi complementari di contrasto sono costituiti, inoltre, dalle trappole a feromoni sessuali per la cattura dei maschi adulti. Ausl avvisa “che queste attività devono essere effettuate da personale competente: non può essere affidata al fai da te.”

bolognatoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -