Immigrati: seconda notte di scontri a Roma, cariche della polizia sui residenti

torsapienza

 

Roma, 12 nov. – Seconda notte di scontri a Tor Sapienza tra abitanti del quartiere e forze dell’ordine schierate in difesa degli immigrati ospitati nel centro di accoglienza di via Morandi. Un gruppo di persone ha lanciato bombe carta verso i locali dove sono gli extracomunitari e bruciato cassonetti e automobili parcheggiate lungo la strada.Dalle finestre del centro, raccontano testimoni, gli immigrati hanno risposto lanciando a loro volta oggetti.

La polizia e’ intervenuta caricando e disperdendo i msnifestanti, ovvero i cittadini esasperati.

A fare esplodere la protesta è stato il centro di accoglienza per rifugiati politici che occupa alcuni appartamenti dei palazzoni di via Giorgio Morandi. Una convivenza con i residenti che da tempo si è rivelata fragile e problematica. «Qui non c’è legalità – gridano i manifestanti -. Vogliamo le forze dell’ordine e deve essere spostato il centro di accoglienza». A destare le maggiori proteste è quella parte del centro destinato a persone che sono staccate dalla famiglia.

«Qui arriva di tutto – si sfogano i residenti -. Nel centro ci sono anche i delinquenti. Sono aumentate le rapine e i furti». Tre sere fa ci sarebbe addirittura verificata una tentata violenza sessuale ma la notizia è ancora da accertare. Ma queste voci hanno fatto montare la protesta. Intanto finora, su via Giorgio Morandi, continuano ad arrivare reparti delle forze dell’ordine per arginare la protesta.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -