Paesi Nato inviano armi in Ucraina, non da escludere ripristino di arsenale nucleare

Barack Obama, Anders Fogh Rasmussen

 

14 settembre – Il ministro della difesa ucraino della difesa dice che i Paesi della Nato,( che fanno solo finta di volere la pace, ma sperano invece nella guerra), hanno iniziato la consegna di armi in Ucraina per aiutare i soldati a combattere i separatisti filo-russi a est. Valery Heletey non ha però fornito dettagli sulle armi  consegnate o il nome dei paesi coinvolti.

Una dichiarazione simile in precedenza è stato negata dai cinque membri della NATO, compresi gli Stati Uniti.

Il primo ministro dell’Ucraina dice che la Nato è “unico veicolo” per proteggere il paese dalla Russia, ma Mosca ha negato l’invio di truppe per aiutare i ribelli filo-russi che sono stati impegnati in pesanti combattimenti con le forze governative nelle regioni di Donetsk e Luhansk da aprile.

Domenica il ministro  Heletey ha detto ai giornalisti che aveva discusso la consegna delle armi in alcuni incontri bilaterali con i ministri della difesa della Nato, nel corso di un vertice Nato in Galles all’inizio di questo mese.

Non ho il diritto di rivelare con quale paese specifico abbiamo raggiunto l’accordo , ma il fatto è che queste armi sono già sulla strada per noi -. Questo è assolutamente vero, posso ufficialmente dire”, ha detto in un discorso citato dall’Unian, agenzia di stampa Ucraina. Heletey ha detto anche che mentre la questione del ripristino dell’arsenale nucleare dell’Ucraina non era all’ordine del giorno, non sarebbe da escludere in futuro.

I funzionari della NATO dicono di avere alcuna intenzione di inviare l’assistenza letale per l’Ucraina, che non è membro della Nato, ma  che gli Stati membri possono farlo.  I funzionari della difesa in Italia, Polonia e Norvegia hanno tutti negato l’intenzione di fornire armi.

Sabato scorso, l’ex banchiere Arseniy Yatsenyuk, che fa le funzioni di premier dopo il golpe USA-UE, ha accusato la Russia di voler “eliminare il suo paese” . La Nato dice, senza mai aver fornito alcuna prova, che la Russia ha ancora circa 1.000 truppe pesantemente armate in Ucraina orientale e circa 20.000 vicino al confine.

La Russia nega l’invio di aiuto militare diretto ai ribelli, insistendo sul fatto che tutti i soldati russi  sono “volontari”.

La Nato ha annunciato la formazione di una nuova forza “punta di diamante” formata da alcune migliaia di soldati, che può essere distribuita in tutto il mondo nel giro di pochi giorni con al scusa di  una crescente preoccupazione da paesi membri della NATO confinanti con la Russia per il suo coinvolgimento in Ucraina.

Notizie BBC



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -