Don Zerai: “Frontex non e’ nata per accogliere, ma per respingere. Deve cambiare”

moses

24 ago. – “L’Unione Europea deve intervenire per prevenire tutti questi morti, sia nel deserto che nel Mediterraneo: tutti sono diretti verso l’Europa, non solo verso l’Italia. Anzi, molti vorrebbero andare nell’Europa del Nord”.

Lo chiede Radio Vaticana che ha intervistato don Mussie Zerai presidente dell’Agenzia Habeshia, centralinista dei clandestini. Secondo il sacerdote, “la richiesta del ministro dell’Interno Alfano affinche’ ‘Mare Nostrum’ possa essere rilevato, assorbito da Frontex e’ giusta”, anche se “Frontex non e’ nata per accogliere, ma per respingere” e per questo “si rifiuta di subentrare”.
L’auspicio, dunque, “e’ che diventi un’agenzia che protegge e accoglie questi rifugiati. Pero’, dev’esserci un accordo tra tutta la comunita’ europea secondo il quale queste persone, poi, dovranno essere ridistribuite su tutto il territorio europeo”. (AGI) .



   

 

 

2 Commenti per “Don Zerai: “Frontex non e’ nata per accogliere, ma per respingere. Deve cambiare””

  1. Ma questo qui, ci fa è ci è?

  2. Don zerai è un Sacerdote cattolico o è un titolare di un’agenzia per il reclutamento di clandestini ?

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -