Roberto Andervill, il fabbro che ha mandato le due sprovvedute in Siria

9 agosto – “A nome del Progetto Horryaty vorrei dire che non saranno rilasciate dichiarazioni a nessuno. Tutte le informazioni sul Progetto sono su questa pagina. Tutte le altre informazioni, ammesso che ce ne siano, non saranno divulgate. Non saranno tollerati commenti di nessun genere.

Roberto Andervill . foto da facebook

Roberto Andervill . foto da facebook

Questo Progetto continuerà a esistere appena Greta e Vanessa saranno di nuovo con noi. Grazie per il sostegno”. E’ il messaggio che si trova sulla pagina Facebook del Progetto, scritte da Roberto Andervill, un fabbro di 46 anni che, come scrive Gianni Micalessin su Il Giornale, dichiara di essere aver studiato alla “scuola della vita”. Nella foto su facebook indossa una kefiah e scrive frasi del tipo: “Allam, Ferrara, Pacifici e Di Segni. Poker di merde” o ancora “un giorno pagherete tutto merde sioniste”.

Peso dell’ideologia – Tutto questo per dire che la presenza di un soggetto simile dento una Onlus “non fa pensare a un’associazione umanitaria, neutrale e indipendente stile Croce Rossa, ma piuttosto a un‘organizzazione ideologicamente schierata, quasi militante. Il che non è un delitto ed è assolutamente lecito.

Ma cercar di decifrare gli eventi del mondo attraverso il filtro dell’ideologia rischia di regalare pericolose allucinazioni. E questa è la principale responsabilità del cattivo maestro Roberto Andervill”. Maestro che adesso al sicuro mentre Greta e Vanessa chissà dove sono finite. Le due ragazze sono partite animate dall’entusiasmo e della passione dei loro vent’anni lui invece avrebbe potuto fermarle. Perché -come osserva Micalessin – in Siria da oltre due anni e mezzo non esiste più alcuna lotta per la libertà. Una terra dove vige solo la spietata legge dei gruppi jihadisti pronti a massacrare chi non la pensa come loro e a rapire chi arriva con l’errata convinzione di poter aiutare”. liberoquotidiano.it



   

 

 

1 Commento per “Roberto Andervill, il fabbro che ha mandato le due sprovvedute in Siria”

  1. Silvano Corradi

    Chissà, forse si salveranno convertendosi all’Islam a meno che, viso cosa scrive il loro mentore, non lo siano già.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -