Il 10% dei miliziani jihadisti ISIS sono turchi, preoccupazione in Germania

isil

 

7 AGO – Almeno il 10% dei miliziani del gruppo jihadista Stato Islamico (Isis), che ha preso il controllo di ampie aree di Siria e Iraq, proviene dalla Turchia, secondo il settimanale tedesco Die Welt, ripreso dalla stampa di Ankara.

I combattenti dell’Isis, per lo piu’ stranieri, sono fra 10 e 15mila. Piu’ di mille sarebbero turchi secondo Die Welt. Secondo altre stime citate dalla stampa turca, il loro numero potrebbe essere molto maggiore.

[box] Questa notizia ha messo in allarme la Germania che è la nazione europea con il più alto numero di immigrati di origine turca. Su 82 milioni di abitanti, la comunità turca in Germania conta ben oltre 1.7 milioni di persone legalmente residenti nella nazione, che arrivano ad essere oltre 2.4 milioni se si considerano coloro in atto di acquisire la nazionalità tedesca, per nascita o naturalizzazione. ndr[/box]

Del gruppo armato, accusato di violenze e atrocita’ in Siria e Iraq, farebbero parte inoltre miliziani europei di origine turca giunti da Germania, Francia, Belgio e Austria, scrive Die Welt. Il governo del premier islamico Recep Tayyip Erdogan e’ stato accusato piu’ volte dall’opposizione turca e dai curdi-siriani di avere aiutato in Siria non solo i ribelli sunniti ‘ufficiali’ dell’Els ma anche i gruppi armati jihadisti vicini ad Al Qaida come Isis e Fronte al Nusra.

La stampa turca ha espresso preoccupazione per le conquiste dei miliziani jihadisti lungo le frontiere sud del paese, dove controllano ampie fette di territorio. Lo Stato Islamico avrebbe ora anche centinaia di simpatizzanti all’interno della Turchia, in particolare a Istanbul. (ANSAmed).



   

 

 

1 Commento per “Il 10% dei miliziani jihadisti ISIS sono turchi, preoccupazione in Germania”

  1. Perche’ gli italiani non sono preoccupati?Forse perche’ troppo occupati in manifestazioni antisioniste?

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -