Immigrati: “Welcome kit”, passaporto dei diritti per i minori che sbarcano in Italia

ibby3 agosto – L’Autorità Garante per l’infanzia ha realizzato il “Welcome kit”, in distribuzione in questi giorni, che verrà consegnato ai bambini, alle bambine e ai ragazzi subito dopo il loro arrivo in Italia grazie al supporto di associazioni, istituzioni, comunità di accoglienza e dei Garanti per l’infanzia e l’adolescenza delle Regioni e delle Province Autonome.

“Welcome kit è uno strumento pensato per dare risposte concrete ai loro bisogni. E’ – spiega Vincenzo Spadafora, Autorità Garante per l’infanzia e l’adolescenza – un passaporto dei diritti realizzato con l’obiettivo di contribuire a rompere il muro della diffidenza e della paura, che spesso induce i ragazzi alla fuga o ad assumere comportamenti a rischio.

Il kit fornisce loro informazioni pratiche, logistiche e di contesto, insieme a un piccolo dizionario”. Spadafora aggiunge di aver avuto l’idea del kit dopo aver visitato Lampedusa, Augusta e e comunità di accoglienza e spiega che l’iniziativa nasce “grazie a un processo partecipativo che ha coinvolto diversi minorenni stranieri oltre a istituzioni e organizzazioni”.

Il kit è tascabile, in 4 lingue (italiano, inglese, francese e arabo), composto da 26 carte colorate che affiancano alle informazioni immagini esplicative delle situazioni che i giovani migranti si troveranno a vivere sul nostro territorio. Il ragazzo che riceverà il kit avrà la possibilità di utilizzarlo non solo per capire meglio cosa lo aspetta in Italia e quali sono i suoi diritti, ma anche per imparare qualche parola di uso comune, prendere degli appunti e segnare cose personali.

“Per assicurare la qualità editoriale del prodotto abbiamo affidato la realizzazione a Ibby Italia, la struttura italiana dell’International Board on books for young people (cioè una delle solite organizzazioni no-profit, “As a non-governmental organization with an official status in UNESCO and UNICEF”  – http://www.ibby.org/index.php?id=about, ndr), che raccoglie i maggiori esperti di letteratura ed editoria per ragazzi.

Il presidente dell’organizzazione no-profit Ibby è un paperone malese, Ahmad Redza Ahmad Khairuddin, proprietario della Mahir Holdings Group, che è una delle principali case editrici private della Malesia. ndr (http://www.ibby.org/index.php?id=thepresident)

Mi auguro che questo strumento aiuti i giovani migranti a ripartire. Anzi, a far ripartire la loro vita sulla base dei diritti basilari che non possono essere negati a nessun essere umano, qualunque sia l’origine, il colore della pelle, il vissuto” ha concluso Spadafora. (ANSAmed).



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -