Grillo difende Farage “non e’ razzista, Ukip è un partito democratico”

nigel-grillo

31 mag. – “La stampa italiana sta scrivendo di tutto su Nigel Farage”. Cosi’ Beppe Grillo su Facebook dove ‘linka’ al suo blog dove, con il titolo ‘Nigel Farage, la verita”, rilancia una nota dell’ufficio stampa del leader degli euroscettici Ukip, incontrato mercoledi’ scorso a Bruxelles. Una nota che sembra voler rivendicare la giustezza di un accordo con Farage che, cosi’ si legge sul blog, sottolinea per parte suia come quello al Parlamento europeo sarebbe solo un “matrimonio di convenienza”.

Si tratterebbe di far parte, quindi, di un gruppo che “non e’ un partito politico” ma e’ piuttosto una “scelta strategica e pragmatica” per contare in Parlamento e riuscire ad ottenere qualcosa, sia dei “finanziamenti” sia “posizioni nelle commissioni”. Inoltre, sempre nella nota dell’ufficio stampa di Farage pubblicato sul blog, viene sottolineato per capitoletti che l’UKIP e’ “contro la guerra”, e’ “un’organizzazione democratica” che non pratica “nessuna forma di razzismo ne’ xenofobia”; “si oppone alla dominazione tedesca e al controllo della Troika” e infine “sostiene la democrazia diretta e si oppone all’Euro”.

Nel video Farage difende l’Italia e gli Italiani

 

“La politica di liberta’ di voto dell’Europe of Freedom and Democracy (EFD) – si legge nella nota dell’ufficio stampa di Farage sul blog di Grillo – e’ rispettosa di ogni partito politico. A differenza dei Verdi e di molti altri gruppi del Parlamento europeo, il gruppo EFD permette alle delegazioni nazionali di votare come ritengono opportuno secondo la propria ideologia, preferenze politiche e di interesse nazionale. Per l’EFD, un gruppo non e’ un partito politico. Si tratta di una scelta strategica e pragmatica al fine di ottenere posizioni nelle commissioni del Parlamento europeo, per ottenere finanziamenti, tempo di parola in parlamento, e un segretariato esperto e professionale. Non e’ programmatica. Ciascuna delle parti all’interno del gruppo e’ libera di scegliere il proprio modello di voto, direzione ideologica ecc. Nell’ottica del gruppo EFD si tratta di un matrimonio di convenienza per il reciproco vantaggio”.

Il blog pubblica quindi “Lo statuto del gruppo Ukip: il gruppo e’ aperto ai deputati che credono in una Europa della Liberta’ e della Democrazia e che riconoscono la Dichiarazione delle Nazioni Unite sui diritti umani e la democrazia parlamentare.

Il gruppo sottoscrive il seguente programma :

1) Liberta’ e cooperazione tra le persone di Stati diversi

2) Piu’ democrazia e il rispetto della volonta’ popolare

3) Rispetto per la storia d’Europa , delle tradizioni e dei valori culturali. Popoli e nazioni d’Europa hanno il diritto di proteggere i propri confini e rafforzare i propri valori storici, tradizionali, religiose e culturali. Il Gruppo rifiuta la xenofobia, l’antisemitismo e qualsiasi altra forma di discriminazione

4) Rispetto delle differenze e degli interessi nazionali: liberta’ di voto. Accettando di far propri questi principi nei suoi procedimenti, il gruppo rispetta la liberta’ delle sue delegazioni e deputati di votare come meglio credono”. Seguono poi alcuni ‘capitoletti’ della politica seguita dal partito di Farage: “UKIP e’ contro la guerra: a differenza dei leader verdi e liberali (ALDE), che hanno entrambi urlato per la guerra in Libia, quando Hermann Van Rompuy ha visitato il parlamento a dicembre 2012, l’UKIP ha avuto una opposizione coerente e di principio alle guerre imperialistiche straniere e contrario alla Gran Bretagna come cagnolino della politica estera aggressiva dell’UE o degli Stati Uniti. UKIP si e’ opposta all’intervento militare dell’UE e del Regno Unito in Iraq, Afghanistan, Libia e Siria”.

Altro capitoletto: “UKIP e’ un’organizzazione democratica, con delle procedure decise dai suoi membri: Nigel Farage e’ il leader del partito UKIP, ma non decide la politica UKIP. Questa e’ una questione dei membri del partito e del Consiglio Direttivo Nazionale. UKIP e’ un’organizzazione democratica e non una dittatura – tiene a sottolineare l’ufficio stampa di Farage – nessuna forma di razzismo, sessismo o xenofobia e’ tollerata.
Nessuno che sia mai stato membro di un partito di estrema destra puo’ unirsi a UKIP. Questo e’ scritto nella costituzione del partito. La costituzione del partito e’ stata modificata in modo che i membri del partito e i deputati che infrangono la legge o mettono in imbarazzo il partito possono essere espulsi.
Ex eurodeputato UKIP Nikki Sinclaire e’ stato espulso dal UKIP dopo essere stato sorpreso nell’appropriazione indebita di denaro da parte del Parlamento europeo. La politica UKIP sugli errori dei membri e’ “Una volta che si trovano fuori, si sono gettati fuori”. Nigel Farage si e’ offerto di testimoniare in tribunale contro l’ex deputato che e’ stato scoperto a prendere i soldi da parte del Parlamento europeo. E’ stato affermato nel corso della riunione dell’Ufficio di presidenza del Parlamento europeo all’inizio di quest’anno che le accuse formulate contro il signor Farage dal deputato liberal democratico MacMillan Scott sono state vagliate e nulla di male e’ emerso nei confronti del signor Farage. Farage ha lavorato come broker al London Metal Exchange, non e’ mai stato un banchiere e non ha nulla a che fare con le banche o servizi finanziari. Farage non ha mai sostenuto offerte di libero scambio UE e ha detto pubblicamente che non sosterra’ l’affare TTIP. Farage ha attaccato le grandi banche, le grandi imprese e i grandi burocrati che come lui afferma dominano l’UE”. Altro capitoletto: “UKIP si oppone alla dominazione tedesca e al controllo della Troika: Farage ha difeso il diritto dei paesi di proteggere i loro poveri dagli effetti disastrosi della UE, della Commissione Europea, FMI, BCE (la Troika). Egli si oppone al federalismo dell’UE, piu’ correttamente chiamato centralizzazione. Farage e’ contro la dominazione tedesca dell’Europa attraverso il suo potere politico ed economico”.
C’e’ poi: “Politica energetica UKIP: UKIP si oppone alla politica energetica dell’UE perche’ sovvenziona turbine eoliche inefficienti e assurdamente costose. Si ritiene che la politica energetica dell’Unione europea stia spingendo al rialzo i prezzi, provocando poverta’ di combustibile per i poveri e guidando l’industria di Europa e verso la Cina e l’India dove la manodopera e l’energia sono a buon mercato. Ha una politica di sostegno per il carbone, il gas di scisto, l’energia nucleare e delle maree. L’appartenenza al gruppo EFD consente al Movimento 5 Stelle di perseguire una propria politica distinta per l’energia”. Infine: “UKIP sostiene la democrazia diretta e si oppone all’Euro: UKIP ha sempre difeso la democrazia locale e nazionale. E’ un appassionato sostenitore dei referendum locali e nazionali. Si oppone alle imponenti leggi comunitarie e alle politiche economiche sulle popolazioni che non danno il loro consenso per tali politiche. E’ fortemente contrario alla centralizzazione della UE e al controllo della Troika. Si ritiene che il progetto euro abbia generato poverta’ e disoccupazione per milioni di persone nel sud Europa e debba per cio’ essere combattuto”. Tutto firmato: ufficio stampa di Nigel Farage.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -