Ucraina: era filo-russo, capo della polizia di Donetsk sgozzato davanti alla moglie

Donetsk

23 apr – E’ stato rilasciato un video in cui, come riportato dalla stampa russa, presunti ucraini neo-nazisti appartenenti all’organizzazione “pravi Sektor” hanno sgozzato l’ex capo della polizia di Donetsk in casa sua ed in presenza di sua moglie, costretta ad assistere impotente.

Le immagini sono molto cruente e contrastano drammaticamente con la falsa apparenza che i media del blocco Nato continuano  ad offrire sul nuovo governo ucraino e sul colpo di stato a Kiev .
In particolare secondo i principali media europei ( in Italia “Repubblica ” la “Stampa” , “Corriere della Sera” , RAI , SKY TV , ecc . )  tutti diffusori fedeli della propaganda americana, il governo e il colpo di stato filonazista a Kiev sono legittimi, il nemico da annientare è il governo russo e in particolare Vladimir Putin , che è costantemente demonizzato in tutte le televisioni e la stampa filo-americana , senza eccezioni . La Clinton ha paragonato Putin al ” nuovo Hitler di 2.000 anni”.

Tuttavia, possiamo scommettere che pochi media parleranno della barbarie di questi neo -nazisti al governo ucraino, sostenuti da Stati Uniti , UE e la NATO.

Avvertiamo che le immagini sono estremamente cruente e contengono violenza estrema, così abbiamo deciso di non mostrare il video sul nostro sito web per non ferire i sentimenti della gente, ma quelli che desiderano avere conferma della barbarie di queste persone che i media i media occidentali descrivono come ” democratici” possono farlo al seguente link http://www.infonacional.com/2014/04/video-supuestos-nazis-ucranianos-le.html  – da cui abbiamo tratto le notizie di questo articolo.  VIDEO    —    https://www.youtube.com/watch?v=cP4Drl6KBdc

Va notato che i metodi utilizzati da questi gruppi ( tagliare il capo dei nemici ” infedeli “) sono esattamente gli stessi dei cosiddetti “ribelli siriani ” in realtà mercenari di diversi paesi , arabi e non arabi , tra cui un grande gruppo ceceno islamista, la cui presenza è stata segnalata nel Maidan al momento dei combattimenti . Non per nulla  le autorità russe avevano denunciato il pericolo che questi gruppi stavano cercando di tornare in Siria, nel Caucaso e in Ucraina per organizzare attentati e attacchi contro obiettivi russi , come è recentemente accaduto.

Anche nel caso di mercenari che operano in Siria è sempre la mano degli Stati Uniti e dei suoi alleati (Francia , Hollande in primo luogo ) , che offre armi , attrezzature e formazione per i militanti infiltrati nel paese dalla Turchia, con lo scopo di rovesciare il governo di Assad, ritenuto ostile agli interessi statunitensi.
Naturalmente è importante sottolineare che la propaganda occidentale ha descritto tempo fa , questi ” ribelli” come “democratici che combattono per i diritti umani “, ma in seguito , per la chiara evidenza della loro ferocia , dopo tre anni di conflitto è chiaro che la realtà è diversa da quella descritta .



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -