Mestre: Vigili aggrediti alla mensa di Ca’ Letizia, allarme scabbia

Vigili aggrediti alla mensa di Ca’ Letizia Mestre, allarme scabbia

scabbia22 apr – Scatta l’allerta scabbia dopo un parapiglia alla mensa popolare Ca’ Letizia di via Querini durante il Sabato Santo. Un ospite della struttura mestrina, infatti, ha perso il controllo ed è andato su di giri. Causando l’intervento delle forze dell’ordine. L’uomo, di nazionalità a quanto pare straniera, verso le 17.30, inizio dell’orario in cui viene distribuita la cena, per motivi che rimangono un mistero, ha iniziato a importunare le altre persone presenti vicino alla struttura sociale gestita dall’associazione “San Vincenzo Mestrina”. Una onlus che ogni giorno dona la possibilità di almeno 122 pasti caldi ai poveri e agli indigenti della città.

L’atmosfera si è fatta sempre più incandescente, rendendo necessario prima l’intervento di una volante della polizia. Poi, visto che la situazione stentava a tornare alla normalità, anche di una pattuglia della polizia municipale. Sarebbero stati proprio tre vigili urbani a riuscire a bloccare a terra l’esagitato, poi trasportato volontariamente all’ospedale e ricoverato in Psichiatria. L’ospite della mensa, insomma, aveva decisamente perso il controllo. Nessun esponente delle forze dell’ordine è rimasto ferito, ma è allarme per la sintomatologia che presentava la persona ricoverata all’ospedale, sottoposta ad accertamenti. Alcuni segni indurrebbero a ipotizzare che l’uomo possa essere affetto da scabbia.

Per questo motivo gli agenti si stanno sottoponendo a esami specialistici per capire se siano stati contagiati o meno. Nel caso peggiore dovranno subire una profilassi. Per l’aggressore, inevitabile, è arrivata una denuncia per resistenza a pubblico ufficiale e minacce. Nessun problema invece per quanti hanno assistito al parapiglia e a quanti frequentano quotidianamente la mensa sociale.

veneziatoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -