Paga l’affitto ma mancano tre euro: sfrattato un artigiano colpito dalla crisi

disperazione 128 mar – Essere sfrattati per un “debito” di 3 euro, succede anche questo nell’Italia del 2014. Un artigiano edile di Lugo, in provincia di Ravenna, da ottobre a gennaio non era stato in grado di pagare l’affitto.

Vicenza, Confartigianato sistema i profughi in hotel

Confartigianato pensi ai veri problemi di artigiani e imprese, non ai clandestini

Dopo “l’ultimatum” del padrone di casa, l’uomo però aveva con fatica messo insieme la somma necessaria per pagare l’affitto arretrato: in tutto 1.938 euro. Però la banca ha trattenuto per sé le spese di commissione.

Mancavano così tre euro per raggiungere la somma stabilita e il giudice non ha esitato a convalidare lo sfratta, stabilendo anche già la data. Lo sfratto dovrà essere eseguito entro il 20 aprile, il giorno di Pasqua.

Una vicenda davvero assurda, perché l’artigiano, sposato, due figli, aveva fatto davvero di tutto per mettere insieme i soldi necessari nonostante la crisi economica che ha colpito la sua attività.

Il Resto del Carlino riepiloga tutte le tappe della storia:

Il protagonista di questa vicenda aveva preso in locazione l’appartamento il primo novembre 2011 e pattuito un canone annuale di seimila euro. Tutto è andato bene fino all’ottobre del 2013 quando l’uomo, che svolgeva l’attività di imbianchino, ha avuto problemi di lavoro e non è più stato in grado di far fronte alle rate da ottobre a gennaio.

www.today.it



   

 

 

1 Commento per “Paga l’affitto ma mancano tre euro: sfrattato un artigiano colpito dalla crisi”

  1. Per 3 miseri euro si mette sotto un ponte una famiglia? Ma che gente di merda c’è in Italia? Ma la carità, la compassione questi valori dove sono finiti?

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -