Roma: addio a mamma e papà. A scuola genitore 1 e genitore 2

famiglia15 genn – Niente di personale: ma mamma e papà sono anacronistici, almeno nei termini. Come spesso capita da quelle parti, alla Garbatella si litiga, eccome si si litiga, per una questione simbolica, ovvero il cosiddetto «aggiornamento della terminologia parentale» come lo chiamano. Il consiglio ha deciso: nelle scuole del municipio VIII (l’ex XI) gli insegnanti non si dovranno più riferire a «madre e padre» degli alunni. Lo scopo di non discriminare chi la mamma e il babbo non ce l’ha (o ne ha più di uno). Una decisione alla quale si dovranno adeguare professori e bidelli, ma che fa discutere tutti.

Gli indignati Ma se la società moderna, almeno nell’interpretazione che ne danno alla Garbatella, avanza mettendo da parte i riferimenti familiari classici, occorre ora trovare delle alternative un po’ meno burocratiche: «genitore 1 e genitore 2», termini gelidi, da laboratorio, che sembrano fatti apposta per far indignare i tradizionalisti. I quali infatti puntuali si indignano: «E’ il solito attacco ideologico di una sinistra progressista che non riesce più ad affrontare le questioni sociali e si rifugia soltanto nella distruzione dei singoli, della nostra tradizione cattolica e italiana», tuona l’ex sindaco Gianni Alemanno. «Per noi la famiglia basata sul matrimonio tra un uomo e una donna resta il pilastro della società e le istituzioni dovrebbero sostenerla con azioni concrete» gli fa eco il consigliere di opposizione Simone Foglio.

I favorevoli «Polemiche inutili, si prende soltanto atto del fatto che già oggi sul nostro territorio esistono centinaia di bambini nati in famiglie omogenitoriali», risponde Marco Palillo dei giovani del Pd. Tra gli entusiasti c’è il portavoce del Gay Center, Fabrizio Marrazzo: «Si tratta di una ottima iniziativa assunta dal consigliere Flavio Conia e di una ottima decisione che va nella direzione di garantire diritti anche ai genitori gay e lesbiche e ai loro figli». messaggero



   

 

 

7 Commenti per “Roma: addio a mamma e papà. A scuola genitore 1 e genitore 2”

  1. Che stupidaggine !

  2. Si parla di famiglie allargate, gay e lesbiche garantendone tutti i diritti, togliendo però il diritto di essere chiamato papà o di essere chiamata mamma per le famiglie tradizionali. Si toglie ad uno per dare all’altro…questo per i sinistroidi è democrazia, io la chiamo dittatura.

  3. marcy dormouse

    la vera rivoluzione inizia dalle parole: togliete parole e toglierete idee, valori, speranze, cambiate le parole e cambierete la realtà, obbligate l’uso di parole e cambierete le possibilità di pensiero. Ci stanno rubando le parole, soprattutto quelle dell’amore: vogliamo davvero lasciarli fare come se niente fosse? Ci hanno rubato la sovranità popolare (con il trattato di Lisbona e con leggi elettorali non rappresentative) ci hanno rubato la sovranità monetaria (con l’euro) ci hanno rubato la sovranità militare (con il trattato di Velsen) e sono fermamente decisi a rubarci la sovranità affettiva… presto non resterà niente di ciò che siamo…

  4. Che schifo di societá putrida di depravazione. Ormai non ci resta che aspettare un meteorite o una guerra che spazzi via tutta questa porcheria.

  5. …Quando due gay e due lesbiche riusciranno a procreare fra di loro, avranno ragione, per adesso no.-

  6. oggi sul nostro territorio esistono centinaia di bambini nati in famiglie omogenitoriali»,UNA GRANDE BUGIA,2 UOMINI NON POSSONO PROCREARE SENZA L’AUSILIO DI UNA DONNA,VICEVERSA UNA DONNA NON PUO’ PROCREARE SENZA LIQUIDO SEMINALE DI UN MASCHIO
    AVETE MA VISTO UN UOMA IN GRAVIDANZA?

  7. Sul sito per l’istruzione telematica alla scuola, c’è perfino l’opzione se il genitore è MASCHIO-FEMMINA-oppure ANNULLA.
    Sono un dinosauro felice di esserlo.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -