Il Fondo monetario e la truffa standard del dittatore matto

Questo articolo è molto vecchio, ma ve lo proponiamo ugualmente perché gli interpreti sono cambiati, ma le tecniche e gli interessi no.

fmi

C’è un clichè che ogni tanto si ripete : in un Paese del Terzo Mondo un dittatore comunemente definito filo americano, o filo Occidentale, e noto per le sue iniziative pubbliche stravaganti e spendaccione, viene rovesciato da una rivolta popolare e fugge con la cassa ; la cassa sono conti correnti esteri intestati a lui o a familiari dove si trovano somme astronomiche, che poi risultano sempre di importo quasi pari al debito contratto dal Paese col Fondo Monetario Internazionale.

Avvenne così con tutti, e giusto ricordo Fulgencio Batista di Cuba, Jean Claude Duvalier di Haiti, Anastasio Somoza del Nicaragua, Ferdinando Marcos delle Filippine, Mobutu Sese Seko del Congo, Suharto dell’Indonesia (e poi Saddam e Gheddafi, ndr). Marcos aveva nei suoi conti esteri 20 miliardi di dollari, Mobutu 10, Suharto addirittura 70 ; in ogni caso erano cifre vicine appunto al debito dei loro Paesi, anzi tutte attorno alla stessa quota del medesimo, il 90%. C’è lo scandalo internazionale : Che razza di disonesto, ha intascato i prestiti del Paese ! Il FMI è dispiaciuto, comprende, ma il credito con il Paese rimane, e questi dovrà continuare a onorarlo ; gli verrà magari incontro dilazionando le scadenze, nel mentre che naturalmente bisogna continuare a pagare gli interessi ogni anno. Intanto l’ex dittatore matto e ladro è indisturbato da qualche parte e non si riesce né a estradarlo né a sequestrargli i conti.

Incerti della vita ? Conferme dell’immaturità politica di certi Paesi ? Niente affatto. Abbiamo uno stesso copione che gira, con nomi, date e cifre diverse : è una truffa standard del Fondo Monetario Internazionale. Vediamo di inquadrare questo Ente.

Il FMI è stato creato dagli USA nel 1948, una data che ricorda l’inizio della Guerra Fredda. Doveva essere un istituto plurinazionale, che faceva da banca alle Nazioni. In realtà gli americani lo congegnarono in modo da poterlo dirigere e fargli fare ciò che volevano. Si attribuirono il 19% delle quote e ne assegnarono il 6,6% alla fida Gran Bretagna, polverizzando il resto fra gli altri Paesi partecipanti, che oggi sono 153 : per il FMI gli USA così sono gli ” azionisti di riferimento “, quelli che anche senza detenere la maggioranza assoluta del pacchetto controllano però di fatto l’azienda vista la dispersione degli altri soci. Ciò si è concretizzato nel fatto che il Direttore Generale del FMI, quello che all’atto pratico lo gestisce, è sempre stato americano. La carica di Presidente invece, quasi una figura onoraria, è sempre stata affidata a uno straniero, per ragioni di facciata. Cosa doveva fare – cosa deve fare – il FMI per gli americani ? Doveva – deve – essere un altro strumento per il loro neocolonialismo, agevolarli ulteriormente nello sfruttamento delle loro neocolonie.

Come procede infatti il FMI ? Lo sanno tutti. Concede prestiti ma – ostensibilmente allo scopo di garantirsene il rimborso – spinge per delle precondizioni di politica economica interna, che sono sempre le stesse : riduzione del deficit pubblico con tagli alle spese sociali, alla sanità, alle pensioni ; divieto di influire sui prezzi, sui salari, sui cambi ; riduzione dei diritti e dei controlli sindacali ; abolizione di qualunque dazio sulle importazioni perché la ricetta dell’economia è – dice – la libera concorrenza interna ed estera. Non c’è la volontà di garantirsi il rimborso del prestito : c’è l’intenzione di scardinare ancora di più il Paese, di renderlo ancora più indifeso di fronte al commercio internazionale, là dove, guarda caso, dominano le Multinazionali americane. Poi ovviamente c’è qualcosa anche per le altre, dell’Europa e del Giappone, ma il grosso è americano garantito. Quale Paese infatti accetta condizioni capestro del genere, che lo immiseriscono senza scampo ? Solo le neocolonie americane ! Il sistema è solo per loro, che hanno un governo già acquiescente, per avere un’altra scusa per spremerle ancora di più. Poi il FMI fa anche prestiti a certi altri Paesi, ad esempio alla Russia, senza ottenere quelle precondizioni ; ma sono diversivi, sono l’attività di copertura.

E quando queste neocolonie americane hanno – non giusto un governo fantoccio come di solito – ma un dittatore fantoccio, c’è l’occasione per una spremitura ancora più grande : per una truffa ! Lo schema è quello che si è già intuito. Il dittatore deve fingersi stravagante, megalomane ; in breve, matto. Egli deve accendere un prestito enorme presso il FMI, a nome del Paese, per realizzare faraonici progetti di sviluppo (non vi fa pensare a Erdogan?, ndr) ; naturalmente accetta tutte le sue condizioni di politica interna. Questi progetti non sono mai realizzati, perché il dittatore – fingendo di rubare – deve trasbordare il grosso della somma su suoi conti all’estero, sempre presso banche americane o comunque controllate dagli americani ; alcune quote, per accontentare dei soci, possono essere sistemate presso altre banche, ad esempio in Gran Bretagna o Francia. Col rimanente il dittatore beneficherà sé stesso, elargirà tangenti ai suoi accoliti locali, e finanzierà effettivamente qualche impresa pubblica minore, che – si intende – vedrà come appaltatrici delle Multinazionali in maggioranza americane. Il prestito non deve mai essere restituito: è solo la sua esistenza a permettere la situazione.

Devono invece essere pagati ogni anno gli interessi, per tenere il Paese in costanti difficoltà finanziarie, e perché sono soldi. La mancata restituzione del prestito non è certo un problema per il FMI : in realtà lui non l’ha mai fatto, perché le cifre stornate dal dittatore sono nelle sue banche, a sua disposizione! Il gioco è fatto, e nelle intenzioni del FMI la cosa deve continuare così per sempre. Immaginate : senza praticamente tirare fuori un soldo, con un prestito fantasma a un dittatore ” matto”, il FMI apre un Paese alle Multinazionali americane, incassa una rendita annua reale, chiamandola ” interessi “, e vanta un credito reale anch’esso per l’intero importo del prestito fantasma !
Non sono straordinari questi americani ?

La prova di tutto questo ? Si ha quando il dittatore viene rovesciato, un evento che può sempre capitare anche col più perfetto e protetto dittatore fantoccio filoamericano del mondo ( poi si rimedia, o con un altro dittatore o con un governo, sempre fantoccio certo ). L’uomo infatti si rifugia da qualche parte ma – guarda – fa sempre una vita non solo ritirata, ma anche MODESTA. Con le cifre di cui è l’accreditato possessore – 10, 20, 70 miliardi di dollari ! – potrebbe fondare imperi economici, comprare la Bank of America, e invece sembra un pensionato, se va bene in una villa, e i figli, se li ha, finiscono immancabilmente in miseria. Come mai ? Perché quelle cifre erano sì su conti intestati a lui, ma non erano realmente a sua disposizione : lui era solo un prestanome. E quando viene rovesciato non può certo incassare. Figuratevi se gli americani lasciano che certa gente, gente fatta da loro, si intaschi miliardi dei loro dollari.

A proposito : l’Italia ha per caso “ottenuto” prestiti dal FMI ? Dite di si ? Guardate bene all’operazione allora, perché l’Italia non è la Russia. Anzi, è una neocolonia americana di prima grandezza.

Jhon Kleeves



   

 

 

1 Commento per “Il Fondo monetario e la truffa standard del dittatore matto”

  1. Il problema è proprio questo, che la maggioranza degli Italiani non vuole essere più colonia di nessuno, ne America, ne Germania, ne Inghilterra, ne arabi, ecc

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -