Siria, 2000 cristiani prigionieri di jihadisti: rischio massacro a Kanaye

15 dic – Duemila cristiani sono in trappola dalla sera del 14 dicembre nel loro villaggio di Kanaye, in Siria, occupato militarmente da gruppi di miliziani di Al Nusra e salafiti. Rischiano di essere massacrati se non si convertiranno all’Islam o se non abbandoneranno le proprie case. Un abitante è riuscito a telefonare di nascosto al vescovo emerito di Aleppo, mons. Giuseppe Nazzaro, il quale lancia l’allarme e chiede aiuto per salvare la piccola comunità.

“Temiamo – ha detto il presule – che la popolazione sia costretta a fuggire in massa o a convertirsi all’Islam se non vuol essere trucidata. In base alle informazioni ricevute – riferisce mons.Nazzaro – gli al qaedisti stranieri sono entrati nel villaggio e hanno impedito al parroco di suonare le campane per avvertire del pericolo i suoi compaesani. Poi hanno bloccato le vie di accesso e ordinato alla popolazione di adeguarsi alla legge coranica. Se anche una sola donna dovesse uscire senza il velo islamico, tutti gli abitanti del villaggio verrebbero passati per le armi”.

“La gente era terrorizzata – prosegue il vescovo – ma purtroppo da stanotte non sono più riuscito a mettermi in contatto con loro e non ho ulteriori notizie”. Nella regione di Idlib, prima che scoppiasse la guerra, vivevano 60mila cristiani. Già lo scorso anno, gruppi di fondamentalisti avevano conquistato un altro villaggio della zona, Ghassanieh, costringendo la popolazione civile cristiana a fuggire, sotto minaccia di morte. In quell’occasione, intere famiglie avevano abbandonato le case e tutti i loro beni nel giro di una notte.

I ribelli, dopo aver saccheggiato abitazioni e luoghi sacri, avevano trasformato l’abitato in una loro roccaforte. “Anche Kanaye rischia la stessa sorte – osserva mons.Nazzaro – ed è assurdo che nessuno muova un dito per proteggere i cristiani siriani”. Il presule, ormai settantottenne, è stato arcivescovo di Aleppo fino al marzo scorso, ed è tornato in Siria anche in ottobre, senza però riuscire a raggiungere né la zona di Idlib né la sua ex sede vescovile. Dall’inizio del conflitto, su oltre due milioni di cristiani siriani, circa 500mila hanno lasciato il Paese, mentre altre centinaia di migliaia sono profughi all’interno della Siria. “A minacciarli – sottolinea mons. Nazzaro – non sono i musulmani siriani, con i quali hanno convissuto in armonia per tanti secoli, ma gli estremisti islamici provenienti dall’estero. Questa – conclude – è una guerra di potenze straniere, in prima fila l’Arabia Saudita e il Qatar, contro la Siria”. tgcom24



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -