Immigrati, Sassoli (Pd): diritto al voto, cittadinanza ai bambini e sanzionare il razzismo

sassoli26 nov – Estendere la cittadinanza a tutti i bambini nati in Europa, gestire l’immigrazione a livello di Unione europea e sanzionare giuridicamente le discriminazioni razziali. Queste le proposte presentate da David Sassoli, presidente degli europarlamentari del PD, nel suo intervento in apertura del ‘Forum 2013 sull’integrazione’ in corso a Bruxelles e dedicato quest’anno al tema della cittadinanza.

”L’Europa – afferma Sassoli – deve avere capacita’ di governo dei fenomeni migratori, per questo servono trasferimenti di poteri nazionali all’UE. E’ inutile chiedere maggiore presenza dell’Europa se poi gli Stati restano gelosi delle loro prerogative”. ”Questo vale – sottolinea l’europarlamentare – anche per il tema della cittadinanza per i bambini che nascono in territorio europeo.

L’Europa deve trovare una base giuridica comune per offrire ai propri cittadini medesime condizioni di uguaglianza, ogni Stato invece vuole fare da se’ come fosse un separato in casa. Per questo una legge europea sulla cittadinanza e’ indispensabile per rafforzare i valori che l’Europa vorrebbe veder riconosciuti in tante parti del mondo”. ”Accesso ai servizi, alle regole della vita sociale, diritto al voto sono gli ingredienti che formano la cittadinanza. Per andare in questa direzione, pero’, – conclude Sassoli – non possiamo piu’ attendere le timide aperture degli Stati nazionali ma serve l’opinione pubblica, servono reti di cittadini, associazioni e partiti che impongano i temi dell’agenda del XXI secolo”.



   

 

 

9 Commenti per “Immigrati, Sassoli (Pd): diritto al voto, cittadinanza ai bambini e sanzionare il razzismo”

  1. poter e dover essere contrario, a chi voglio io, credo che possa essere, democraticamente un MIO diritto….

  2. Invece di imporre d’imperio e dal’alto certe ideologie,un referendum su questi temi non sarebbe molto meglio e soprattutto molto più democratico?
    P.S.:Le imposizioni per il popolo vengono SEMPRE da chi si autodefinisce”democratico”;

    • Assolutamente d’accordo con te Enrico…
      Ma non sarebbe democratico perchè qui in Italia tutto è ilò contrario di tutto!

  3. Perchè uno straniero non residente deve poter votare in ITALIA? Posso capire che il PD non lo vota nessuno, ma non pensavo arrivassero a questi livelli O.O

  4. Si vuole distruggere il dissenso anti-UE ed anti-EURO calpestando il pensiero delle etnie sovrane le quali hanno diritto sacrosanto di esprimersi e non di subire ideologie che sono imposte e sicuramente non accettate.
    Sono le etnie sovrane ad aver costruito nel passato il benessere e il diritto, la storia nonche’ le tradizioni che appartono ai SINGOLI Stati che esistono nell’ Europa.

    • Quelle ideologie come le chiami, finiranno per soprimere le mie e le tue ‘ideologie’.

  5. Condivido pienamente con tutti e quattro, aggiungerei che domani forse dovrei andare da un centro mentale per una visita da un pischiatra non capisto se sono scemo io o questi del PD ci sono i ci fanno? mai ricordato in un periodo cosi breve, notizie a valanga come questa, poi ci sono notizie ogni giorno da Letta che dice una cosa ne fa un’altra idem Saccomanni a me pare di stare in un paese di matti ma da ricovero.

  6. Eppure c’e’ ancora chi vota PD.

  7. …Per andare in questa direzione, pero’, – conclude Sassoli – non possiamo piu’ attendere le timide aperture degli Stati nazionali ma serve l’opinione pubblica, servono reti di cittadini, associazioni e partiti che impongano i temi dell’agenda del XXI secolo”.

    IMPONGANO????? MA è DEMOCRAZIA O DITTATURA?

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -