Jihadisti europei addestrati in Siria, che faranno quando torneranno qui?

jabat

5 nov – In Siria ci sono 50 mila combattenti identificabili come estremisti islamici che combattono per l’instaurazione del califfato. Di questi, 10 mila sono jihadisti collegati ai terroristi di Al Qaeda. Spesso sono stranieri e molti vengono dall’Europa.

AL QAEDA INSEGNA. «Ci sono buoni motivi per preoccuparsi della Siria», ha dichiarato a Newsweek sir Andrew Parker, nuovo capo della Sicurezza britannica. «Una parte sempre maggiore del nostro lavoro è legata alla Siria, soprattutto per quanto riguarda quelle persone britanniche che sono andate là a combattere o vogliono farlo. Al-Nusra e altri gruppi estremisti sunniti in Siria, infatti, sono collegati ad Al Qaeda e vogliono attaccare i paesi occidentali».

MOVIMENTO JIHADISTA GLOBALE. In Siria, secondo Newsweek, c’è la terza più grande mobilitazione di mujaheddin della storia e il motivo per cui tutti i paesi europei, Italia compresa, sono preoccupati è ben riassunto da Matthew Olsen, direttore del Centro nazionale antiterrorismo: «Molti vanno in Siria, diventano ancora più radicalizzati, vengono addestrati e poi tornano indietro facendo parte di un movimento jihadista globale che ha come obiettivo l’Europa Occidentale e anche gli Stati Uniti».

SIRIA ANDATA E RITORNO. Per la Siria non è stato difficile diventare la nuova terra del jihad grazie alla Turchia, che permette a chiunque di unirsi ai ribelli attraverso i suoi confini. Secondo un agente della Sicurezza spagnola «il conflitto siriano è il fronte principale di questo jihad globale e il timore è che i jihadisti occidentali vadano là per prepararsi e addestrarsi per poi utilizzare quanto imparato nelle terre di origine».
Il pericolo «è tremendo – afferma Thomas Hegghammer del Norwegian Defense Research Establishment – in Siria vengono indottrinati, si espongono all’ideologia e diventano parte della rete» di Al Qaeda. Il problema che resta dunque è uno solo: «Che cosa faranno una volta tornati a casa?».
 Tempi.it



   

 

 

2 Commenti per “Jihadisti europei addestrati in Siria, che faranno quando torneranno qui?”

  1. «Che cosa faranno una volta tornati a casa?».Indovina un pò…

  2. gli europei che vanno a combattere o ad addestrarsi per la jihad, perdono la loro cittadinanza europea, non vengono fatti rientrare, e vengono rispediti indietro in Syria. Così difficile?

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -