GB, 4 giovani lituani incriminati per l’omicidio dell’italiano Joele Leotta

joele23 ott. – Quattro 4 giovani lituani tutti residenti a Maidostone sono stati incriminati per l’omicidio dell’italiano Joele Leotta. Si tratta di Aleksandras Zuravliovas, 26 anni residente a Beaumont Road; Tomas Gelezinis, 30 anni, di Lower Stone Street; Saulius Tamoliunas, 23 anni di Union Street e Linas Zidonis, 21 ani. I quattro, riferisce la stampa locale, sono stati anche incriminati per l’aggressione di Alex Galbiati, l’amico italiano con cui si trovava Leotta al momento dell’aggressione. La polizia ha anche arrestato un decimo sospetto, un uomo di 30 anni.

Il quotidiano Indipendent ha raccolto anche la testimonianza di una donna, Charlotte Cheng, che vive in un appartamento accanto a quello dove si e’ verificata l’aggressione mortale. “Ho visto la colluttazione attraverso una finestra di casa mia che si trova giusto di fronte una loro camera da letto, nascosta dietro una tenda”, ha raccontato la donna. “Ho sentito urlare ma nessuno parlava in inglese e non ho capito una parola di quanto dicevano. Una persona e’ stata trasportata da un lato all’altro della stanza. E’ successo tutto molto in fretta, nella camera ho visto due o tre persone”, ha aggiunto. Poi “si sono spostati in un altro lato dell’appartamento, scendendo le scale”.

Per gli inquirenti l’aggressione non avrebbe movente, o per lo meno non sarebbe a sfondo razziale. Per Claudio Usuelli – sindaco di Nibionno, il comune delle lecchese di cui era originario Leotta – gli aggressori hanno invece infierito urlando “italiani di merda, ci rubate il lavoro”. L’aggressione e’ avvenuta attorno alle 23.30 locali di domenica scorsa. Joele e’ stato subito trasferito al King’s College Hospital dove e’ morto poco dopo.
“Non posso dire ancora nulla sul reale movente, so solo che mio figlio e’ stato ammazzato da un gruppo di bestie”, ha affermato.

il padre, Ivan, escludendo che Joele abbia avuto il tempo di mettersi in qualche situazione rischiosa. Il 19enne era felice per la sua nuova sistemazione tanto che sul suo profilo Facebook il 17 ottobre scorso aveva scritto: “Sono in Inghilterra, sto cercando di sistemarmi qui. Ho trovato lavoro in un ristorante italiano e ora sto imparando a fare il cameriere. Davvero tutto perfetto”. Aveva modificato la sua citta’ attuale in Maidstone, aggiungendo il nuovo lavoro al Vesuvius Restaurant, gestito da un originario di Napoli.
Descritto come ragazzo solare, giocoso, amava il rap ed era un gran tifoso dell’Inter.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -