Nelle carceri della Gran Bretagna detenuti costretti a convertirsi all’islam

carcere21 ott – Sky News ha appreso che, in prigione, un numero sempre crescente di detenuti britannici è vittima di bullismo da parte di musulmani che vogliono obbligarli a convertirsi all’Islam. Inoltre ci sono anche serie preoccupazioni che alcuni di questi convertiti possano essere poi radicalizzati da elementi piu’ estremisti.

La prigion Officers Association dice che questo è sintomatico della crescente influenza delle bande musulmane nelle carceri.

Sky News ha parlato con una giovane donna la quale ha raccontato che suo fratello è stato vittima di bullismo da parte dei membri di una gang musulmana, che stava cercando di costringerlo a convertirsi all’Islam. La donna non ha voluto essere identificata per timore di rappresaglie contro suo fratello, che sta scontando una pena superiore a 10 anni in una prigione di massima sicurezza, in Inghilterra.

Ha detto: “Sembra proprio un uomo distrutto … lui è in lacrime durante visite, ho davvero paura per lui.». Ha anche sostenuto che il bullismo aveva preso una piega più violenta:. “E ‘stato aggredito fisicamente, gli hanno fatto gli occhi neri. Nelle docce è stato minacciato con un coltello. Lui però non ha intenzione di cedere, non ha intenzione di convertirsi per nessuna ragione.”

Ha aggiunto: “Passa solo il suo tempo a nascondersi nella cella. Ha almeno altri cinque anni da scontare e non so per quanto tempo potrà resistere…”

Fonti ufficiali riconoscono che le conversioni forzate sono un problema nelle carceri del paese. Quanto grande sia il problema non è ancora chiaro, perché i detenuti hanno spesso paura di denunciare tali intimidazioni per timore di rappresaglie.

Joe Chapman, un ex guardia carceraria che ora lavora come consulente nelle prigioni, crede che il problema sia in aumento.

«Penso che potrebbe diventare un problema enorme. Circa una mezza dozzina di clienti mi ha segnalato il problema delle conversioni forzate … quelli che non erano musulmani quando sono entrati in carcere e quelli che lo erano e sono stati costretti a intraprendere idee più radicali circa la loro fede”.

E ‘la potenziale via dell’estremismo che sarà di maggior preoccupazione per le autorità.

I gruppi jihadisti cercano le persone piu’ vulnerabili e l’ambiente carcerario offre loro un uditorio interessato.

L’ex segretario Lord Reid ha detto a Sky News: “Quando arrivano in carcere, i detenuti spesso si sentono isolati, privi di identità. Non hanno i gruppi familiari e parenti intorno a loro. Oltre a questo, molto spesso c’è una necessità di protezione, una sensazione che sei arrivato in prigione, sei solo, ma ci sono persone che sembrano come te , che ti daranno un indottrinamento, ma anche la tutela di essere in una gang. La prigione è una terra molto, molto fertile per il reclutamento, il proselitismo e la radicalizzazione.”

Ci sono attualmente circa 11.200 musulmani detenuti in Inghilterra e in Galles. Questa cifra è di circa il 13% della popolazione carceraria totale ed è una percentuale molto alta rispetto ad una comunità dove i musulmani costituiscono meno del 5% della popolazione.

Un portavoce del ministero di Giustizia, ha dichiarato: “La fede può avere un effetto molto positivo sui prigionieri e può svolgere un ruolo importante nella riabilitazione, ma non deve mai essere usata come un modo di costringere i prigionieri vulnerabili ad un comportamento criminale.

‘Noi non siamo mai soddisfatti del bullismo nelle carceri e adottaremo un approccio di tolleranza zero per affrontare vittimizzazioni di ogni tipo”.



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -