Tragedia Lampedusa, Alfano: morti perché non avevano i cellulari

alfano003 ott – “Purtroppo nessuno aveva cellulari a bordo della nave affondata nella notte a Lampedusa e nessuno ha avvisato, come sono abituati a fare in questi viaggi, il numero di ricerca e soccorso. Se avessero avuto la possibilità di telefonare si sarebbero salvati”.

E’ quanto dichiarato da Angelino Alfano, titolare del Viminale, prima di partire, dopo la sua visita a Lampedusa. Ha anche attaccato duramente l’Europa. ”Perché all’Italia si può chiedere di lavorare al di qua delle acque territoriali. Ma l’Europa deve diventare protagonista perché o diventa protagonista o non si può dire – ha sottolineato Alfano – che ci sia un’ Europa solidale”.

(Un sopravvisuto invece, secondo quanto dichiarato dal Codacons, ha spiegato che i cellulari li avevano, ma hanno acceso i fuochi a bordo perche’ non avevano campo e i telefonini non prendevano. Sono cosi’ tutti finiti in mare.)

“Noi vogliamo che Lampedusa venga considerata frontiera e confine dell’Europa, non frontiera e confine italiano”. ha proseguito Alfano – La nostra priorità, ha detto ancora, ora è salvare vite. “Tutti i soccorsi stanno funzionando bene, le nostre attrezzature stanno funzionando bene. Da più di un’ora non e’ stato trovato nessun altro cadavere. I sommozzatori sono alla ricerca di altre persone, ma le ricerche sono difficili perché i fondali sono molto profondi”. Si tratta di un giorno di disperazione “per l’Italia e tutto il mondo intero”, ha concluso amaramente Alfano.



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -