Bologna: scontro tra Sel e Lega per ”genitore 1” e ”genitore 2” sui moduli scolastici

Manes Bernardini

Manes Bernardini

12 sett – E’ scontro aperto tra Sel e Lega a Bologna in merito alla proposta di cambiare la dicitura ‘madre’ e padre’ sui moduli scolastici con ‘genitore 1’ e ‘genitore 2′. Un’idea che e’ subito piaciuta alla capogruppo vendoliana a Palazzo D’Accursio Cathy La Torre che ha gia’ redatto un odg in cui si chiede la modifica nei moduli per l’iscrizione all’asilo. Questo, secondo La Torre, da sempre in campo per la difesa dei diritti Lgbt, “per includere tutte le famiglie, anche quelle in cui c’e’ un solo genitore oppure due mamme o due papa’”.

Diametralmente opposta la posizione del capogruppo leghista Manes Bernardini che manda un chiaro avvertimento al Pd, accusato, a suo avviso di essere “in bali’a di alleati bolscevichi” e di “sacrificare la famiglia agli equilibri della maggioranza”. Di fronte all’ipotesi di accoglimento dell’odg di La Torre, l’esponente del Carroccio chiama a raccolta le famiglie. “Facciano sentire la loro voce, si uniscano a noi contro la mortificazione del nucleo primario della nostra societa’, fatto di padri, madri e figli” aggiunge Bernardini, chiedendo anche di “sostituire ai dibattiti lessicali i temi della crisi”.

Ad ogni modo, conclude il consigliere del Carroccio, “la proposta di Sel deve trovare una ferma condanna nel sentire comune della citta’: il consiglio comunale che dibattera’ questa assurda proposta deve essere il punto finale di una rivolta di tutte le famiglie bolognesi che non devono rimanere in silenzio”. adnk



   

 

 

8 Commenti per “Bologna: scontro tra Sel e Lega per ”genitore 1” e ”genitore 2” sui moduli scolastici”

  1. Alberto Quartaroli

    non ci posso credere !!!!!!!!!!!

  2. (genitore 1′ e ‘genitore 2′).. dovrebbero prestare attenzione a questa (UE)..

    ..D’accordo con l’organizzazione Professionali per l’Etica, gli studenti della terza elementare, in una scuola di Cordoba nel sud della Spagna, l’Andalusia, stanno partecipando a un corso la cui materia si intitola:
    “La natura ci ha dato il sesso e noi lo possiamo usare con un’altra ragazza, un altro ragazzo oppure con un animale”. ..

    Altro spunto: Croazia:

    ..In terza elementare – quindi a nove anni di età – gli alunni apprendono quali sono i toccamenti ‘accettabili’ e quelli ‘inaccettabili’.
    Gli insegnanti inviteranno i bambini a toccarsi gli uni gli altri in determinate parti del corpo, ivi incluse quelle ‘indesiderabili’; in seguito vi sarà una discussione nella quale gli alunni saranno invitati ad analizzare se e per quale motivo essi si sono sentiti a disagio. ..

    Un titolo chiaro:
    (GERMANIA – bambini di un anno sessualizzati )

    …….Si tratta di social engeenering, della creazione di un nuovo uomo, sessualmente variabile. Per ottenere ciò lo Stato deve impossessarsi dei bambini, “sessualizzandoli” il prima possibile.

    A questo provvede la BZgA, la Centrale federale per l’istruzione sanitaria [da noi: “educazione alla salute” ndr]. La sezione che si occupa dell’istruzione sessuale sottostà al ministero per la Famiglia mentre tutto il resto è subordinato al ministero dell’Istruzione.

    La BZgA distribuisce gratuitamente i propri scritti a genitori, insegnanti, educatori, scuole e studenti. Chiunque può ordinarli gratuitamente attraverso internet e lì può anche consultarli.

    Eccone alcuni esempi:
    Il Vademecum per genitori circa l’educazione sessuale infantile da uno a tre anni d’età invita madri e padri a «unire il necessario al piacevole, solleticando, accarezzando, coccolando il bambino, quando lo si lava, nei più diversi punti del corpo».

    «La vagina, e soprattutto il clitoride, vanno scoperti evitando il più possibile di concentrarvi l’attenzione, nominandoli e attraverso amorevole contatto».

    L’esplorazione infantile dei genitali degli adulti può «destare stati d’eccitazione negli adulti». «Si tratta di un segno di sviluppo salutare di suo figlio, se usa generosamente la possibilità di procurarsi piacere e soddisfazione».

    Se accade che ci siano bambine (comprese tra uno a tre anni!) che «afferrano anzitutto oggetti che le aiutano» non si deve «usare questo come scusa per impedire la masturbazione».

    Il Vademecum troverebbe «incoraggiante il fatto che anche padri, nonne, zii o baby-sitter gettino uno sguardo su questo scritto informativo e si lascino intrigare – per favore, sentitevi tutti coinvolti!». …….

    /——-/

    Dunque?

    Non resta che partire, anzi scappare.. per mai piu’ tornare?

    • Sono inorridita, leggo bene…ma spero che i miei occhiali siano sporchi….il Vandemecum per i genitori, che invita a scoprire la sessualità dei figli mentre vengono lavati? Ma qui si va oltre e dico oltre il limite di essere integri con dei seri valori da trasmettere ai propri figli….qui non si tratta più di parlare e spiegare ai bambini che non bisogna prendere in giro altri non etero…qui si parla di vera e propria pedofilia, ma dico scherziamo? Ma dove sta la tutela dei bambini, che in quanto tali non possono dire la loro? Si dice che la bocca di un bambino è la bocca della verità….ma io spero vivamente che chi faccia o adotti questo fantomatico vandemecum a loro volta venga denunciato alttraverso il telefono azzurro!!!
      E poi un’altra cosa, si sta tanto strumentalizzando il fatto di madre e padre, addirittura togliendoli il nome e mettendo genitore 1 o 2, ma in questo caso chi è il discriminato? L’etero , ol’omossessuale? A parer mio gli etero saranno relegati in piccole comunità…e arriveranno i nuovi bambini cresciuti e diventati bsex….causa leggi inappropriate…

  3. Per quanto a talune anime belle possa dispiacere ogni nato ha una madre e un padre. Nessuno ha, ha avuto nè avrà mai due madri o due padri. Esistono facenti funzioni esistono tutori esistono vedovi e vedove ma una madre e un padre saranno sempre alla base di ogni persona. Tra l’altro, chi decide chi fa il genitore di serie B (o genitore 2)?

  4. e chi e’ il genitore 1 e chi e’ il genitore 2? anche questa e’ una forma di razzismo! il genitore 1 e’ piu’ importante del genitore 2?

  5. hi sarà l’1?E chi il 2?è discriminazione!2 viene dopo di 1!Allora cancelliamo la matematica e poi i nomi?Perchè hanno maschile e femminile?quindi cancelliamo anche i nomi!E gli alti?Gli tagliamo le gambe e li pareggiamo!E chi ce l’ha più lungo?Glielo tagli… anzi no lo diamo in affido a Vendy.
    Ma basta ridicoli!Se vi vergognate di essere gay e vi fate i complessi evidentemente non lo siete affatto.

  6. Che manicomio, e datosi che il fondo e vicino speriamo che lo si tocchi subito con la speranza che se ne vadano questi Parlamentari e che rimangano solo chi ha e farà gli interessi degli Italiani per iniziare la risalita.

  7. Che schifezza! Tutti noi siamo nati da un uomo e da una donna, al di la ‘ di come ciò sia avvenuto. Ne consegue che tutti noi abbiamo un papà ed una mamma . Questo principio deve essere recepito e capito da tutti.

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -