Siria: ribelli devastano il villaggio di Maaloula, chiese distrutte e cristiani uccisi

Maaloula10 sett – Corpi di cristiani uccisi abbandonati sul ciglio delle strade, abitazioni e chiese distrutte e depredate. E’ lo scenario di Maaloula, villaggio a circa 60 chilometri a nord di Damasco invaso nei giorni scorsi dai ribelli islamisti. L’abitato, culla della tradizione cristiana siriana e unico luogo al mondo dove si parla ancora l’aramaico, è ormai una città fantasma. Fonti di AsiaNews (anonime per motivi di sicurezza), raccontano che “i ribelli islamisti stanno invadendo le abitazioni del villaggio. Ieri hanno ucciso tre persone e preso prigionieri sei giovani cristiani appartenenti alla Chiesa greco-cattolica. I cadaveri sono stati lasciati in strada come monito per la popolazione. Molte famiglie sono bloccate nelle loro case e non possono nemmeno fuggire. Nessuno conosce le loro condizioni”.

La situazione è critica anche per chi è riuscito ad abbandonare il villaggio. “Sono diverse centinaia di persone – spiegano le fonti – esse sono riuscite a salvarsi, ma hanno dovuto abbandonare tutti i loro averi. Per loro inizia un nuovo calvario”.

In questi giorni le parrocchie della capitale hanno offerto ospitalità alle famiglie, ma i viveri non basteranno a lungo. “Questa gente è traumatizzata – aggiungono  le fonti di AsiaNews – intere famiglie hanno lasciato tutta la loro vita a Maaloula. Non hanno bisogno solo di beni materiali come cibo, acqua, un letto in cui riposare ma anche di sostegno spirituale, soprattutto gli anziani, le donne e i bambini”.

I ribelli del Free Syrian Army (Fsa) hanno invaso il villaggio lo scorso 5 settembre, sconfiggendo le truppe del regime grazie all’appoggio delle brigate al-Nousra, legate ad al-Qaeda. Dopo aver preso il controllo sulla città, gli islamisti hanno iniziato a profanare gli edifici cristiani, distruggendo le croci della cupola del monastero greco-cattolico dei santi Sergio e Bacco. In una testimonianza raccolta da AsiaNews, un residente racconta che lo sheick del villaggio, leader della comunità musulmana locale, ha condannato gli attacchi affermando che quanto sta avvenendo è contro l’islam: “La violenza non si può attuare né in nome di Allah né di Maometto”. L’appello si è però rivelato inutile. (S.C.)

asianews



   

 

 

3 Commenti per “Siria: ribelli devastano il villaggio di Maaloula, chiese distrutte e cristiani uccisi”

  1. Ma perchè non facciamo anche noi le stesse cose che fanno loro?
    Occhio per occhio….
    Ah si, la Oriana Fallaci aveva ragione…voglio far diventare il mondo islamico e le donne schiave!!!!
    Si prospetta un mondo di merda!!!

  2. Questi criminali islamisti sono quelli che obama ,gli occidentali e le monarchie del Golfo amano tanto!Viva Assad Viva Putin!

  3. Obama …questo è il male peggiore da estirpare con i tomawak…siccome anche tu sei uno di loro….che possa fare una fine orribile come l’hai fatto fare al tuo “cane sciolto” Osama Ben Laden….

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -