Tunisia: canzoni anti-polizia, 2 rapper condannati a 21 mesi

carcere2 set. – Due rapper tunisini sono stati condannati a 21 mesi di prigione per aver insultato le forze dell’ordine in un brano cantato durante un concerto a Hammamet.
Nel dare notizia della sentenza che ha effetto immediato, il loro avvocato, Ghazi Mrabet, ha lamentato che i suoi assistiti non siano stati neppure informati del processo a loro carico.
“Il processo e’ iniziato venerdi’ senza che noi fossimo convocati”, ha spiegato il legale.
Ala Yaacoubi, conosciuto con il nome da rapper Weld El 15, e Klay BBJ, erano stati arrestati il 22 agosto durante un concerto a Hammamet per insulti a pubblici ufficiali, diffamazione e violazione della morale pubblica. Erano stati scarcerati l’indomani ma dopo la condanna rischiano di finire di nuovo in cella.

Secondo l’avvocato, i due non sono stati informati del processo e delle accuse, di cui sono venuti a sapere dai media locali. Il ministro della Giustizia e la magistratura si sono rifiutati di commentare le procedure e le decisioni del tribunale. Uno dei due, Weld El 15, era gia’ stato arrestato a giugno per una sua canzone dal titolo “The police are dogs” (“I poliziotti sono cani”) ed era uscito di prigione a luglio per una riduzione della pena in appello. Al momento dell’arresto, inoltre, il suo avvocato racconta che il rapper era stato violentemente picchiato, e afferma di avere un certificato medico che lo dimostra. Il processo al tempo fece scandalo: membri dell’opposizione e associazioni per i diritti umani parlarono di un’attacco alla liberta’ di parola. Il primo ministro islamista Ali Larayedh dichiaro’ invece che il ragazzo era stato perseguito “per incitamento alla violenza e all’uccisione di polizioti e magistrati”.

“E’ una vendetta”, ha denunciato Thameur Mekki, che guida un gruppo di supporto per musicisti, “perche’ le autorita’ non hanno capito che questi argomenti aumentano il dibattito pubblico, non i processi e le persecuzioni contro i rapper. Ci organizzeremo e ci mobiliteremo con il supporto delle organizzazioni per i diritti umani”.
Il processo e’ l’ultimo di una serie di casi che hanno infuocato il dibattito sui diritti umani in Tunisia. Ad agosto il cameraman Mourad Meherzi e’ stato sottoposto a detenzione preventiva per aver filmato un artista, anche lui arrestato, che lanciava un uovo al ministro della Cultura. (AGI)



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -