Francia: segregazione dei sessi e guerra al sessimo negli asili

asilo20 AGO – Guerra al sessismo fin dall’asilo nelle scuole di Francia: la ministra delle Pari opportunità, Najat Vallaud-Belkacem, ha annunciato che da settembre partirà la sperimentazione in 500 scuole del Paese, dalla materna alle elementari, del programma ‘ABCD della parità’.

L’obiettivo “è far sì che i bambini smettano di interiorizzare dalla più giovane età le disuguaglianze tra i sessi”. Il progetto nasce da un rapporto che raccomanda fra l’altro di vagliare un ritorno a classi non miste.

Condividi l'articolo

 



   

3 Commenti per “Francia: segregazione dei sessi e guerra al sessimo negli asili”

  1. L’obiettivo “è far sì che i bambini smettano di interiorizzare dalla più giovane età le disuguaglianze tra i sessi”?????

    Niente di nuovo.
    Si adeguano all’europeismo imperante.. 😉

    D’accordo con l’organizzazione Professionali per l’Etica, gli studenti della terza elementare, in una scuola di Cordoba nel sud della Spagna, l’Andalusia, stanno partecipando a un corso la cui materia si intitola: “La natura ci ha dato il sesso e noi lo possiamo usare con un’altra ragazza, un altro ragazzo oppure con un—–> animale”.

    Gruppi di genitori hanno detto che la materia indottrina i bambini, camuffa un programma pro-omosessualità e critica le norme ed i valori della morale. Nelle regioni di Castilla e di Leon, circa 500 alunni sono stati esonerati dalla partecipazione a questi corsi per ragioni di coscienza, mentre centinaia di altri, a Madrid e a Valencia, stanno aspettando la decisione della corte per sapere se saranno o meno obbligati a frequentarli (CNA, 4 febbraio 2010).

    E ancora..
    Basta cercare e vedere che gia’ il 28/02/08 si leggeva..

    GERMANIA – bambini di un anno sessualizzati

    PERVERSIONE PUBBLICA

    Uomini sessualmenti variabili e bambini allevati dagli asili nido di Stato. È il nuovo e spaventoso obiettivo delle “politiche familiari” teutoniche

    “Equiparazione”, “gender mainstreaming”, “Centro di competenza gender”. Il sito internet del ministero per la Famiglia tedesco abbonda di termini che dicono poco ai non addetti ai lavori, ma che se analizzate tracciano fin troppo bene la rotta verso cui naviga a vele spiegate il ministero.
    Gender mainstreaming significa letteralmente porre al centro dell’attenzione il genere sociale.
    In poche parole adoperarsi perché la distinzione sessuale tra uomo e donna e l’eterosessualità come norma siano rimosse; i modi di vita omosessuale, bisessuale e transessuale considerati equivalenti alla sessualità di uomo e donna. Una vera e propria nuova ideologia che viene trasformata in realtà sociale in Germania attraverso il dominio virtuoso dell’apparato politico, oltretutto senza che su di essa ci sia stato dibattito pubblico.

    DIRETTIVE ONU??

    Non a caso leggo dell’ONU…
    l’Unicef è stata accusata di aver finanziato un libro in cui si promuove l’aborto e si incoraggiano i bambini ad avere relazioni sessuali con omosessuali, altri minori ed ——>>animali.

    • e vedrai che tra un po’ legalizzeranno anche la pedofilia…nessuno va discriminato quindi anche i pedofili saranno liberi di vivere il loro orientamento sessuale … gli omosessuali amano persone dello stesso sesso, i pedofili amano i bambini i zoofili gli animali i necrofili i morti…e magari già che ci siamo promuoviamo anche l’incesto ecc ecc…ah e per chi dirà eh ma è diverso queste sono malattie ricordo che anche l’omosessualità fino a poco tempo fa era una malattia….

      • se legalizzano la pedofilia vuol dire che si torna alla origini. Si è sempre praticata tra i romani ed i greci, E’ sparita con il Cristianesimo

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -