Crisi. Unimpresa: boom di derivati in Italia, in 2012 +7% a 124 miliardi

derivati24 lug – La massa di titoli finanziari speculativi, i cosiddetti derivati, e’ cresciuta del 7% in un anno (tra dicembre 2011 e dicembre 2012) passando da 116,74 miliardi di euro a 124,95 miliardi. E’ quanto merge dal rapporto ‘La crisi fa crescere i derivati in Italia’ realizzato dal Centro studi di Unimpresa, che mostra come in piena crisi internazionale e con l’economia piegata dalla recessione, quasi tutti i comparti del nostro Paese sia pubblici sia privati abbiano ‘giocato’ con i prodotti d’azzardo.

La crescita complessiva dei derivati in Italia (8,21 miliardi) e’ legata sopratutto all’aumento di questo tipo di attivita’ finanziarie all’interno dei bilanci delle banche, dove risultavano a dicembre 2012 102,2 miliardi rispetto ai 97,45 dell’anno precedente: 4,7 miliardi in piu’ in 12 mesi (+4,9%). Unimpresa segnala poi l’impennata (+22,2%) dei derivati nelle amministrazioni locali: nei 12 mesi sotto la lente, le consistenze dei bilanci di comuni, province e regioni sono passate infatti da 982 milioni a 1,2 miliardi, con un aumento di 218 milioni.

Quasi raddoppiato (+85,6%) l’ammontare di derivati nelle amministrazioni centrali (Stato), passato da 2,9 miliardi a 5,4 miliardi in crescita di 2,49 miliardi. Lieve incremento per i prodotti speculativi nei bilanci delle imprese: a fine 2012 l’ammontare e’ salito di 351 milioni a quota 6,79 miliardi rispetto a 6,44 di dicembre 2011 (+2,5%). Nel comparto assicurativo e dei fondi pensione si e’ passati da 4,79 a 5,066 miliardi (+5,5%) in aumento di 265 milioni, mentre il resto degli intermediari finanziari ha registrato una crescita di 142 milioni (+3,4%) da 4,14 miliardi a 4,28 miliardi. ”E’ un altro segnale preoccupante che poniamo all’attenzione del Governo guidato da Enrico Letta, alle prese con un rinvio dietro l’altro e con poco coraggio per varare riforme serie, necessarie a portare il Paese fuori dal tunnel della bufera internazionale: mentre la recessione sta facendo morire centinaia di migliaia di imprese e distrugge posti di lavoro, la finanza continua a vivere meglio e piu’ di prima.

Come sosteniamo da tempo serve una svolta radicale, con uno spostamento delle attivita’ finanziarie sulla produzione, sulla piccola imprese, sulla manifattura. E invece assistiamo alla continua espansione della speculazione, guidata dalle grandi banche d’affari internazionali che ormai tengono col cappio al collo l’Italia e buona parte dell’economia mondiale” commenta il presidente di Unimpresa, Paolo Longobardi. ”Sono i numeri relativi alle banche i piu’ eclatanti: mentre gli istituti – osserva Longobardi – tengono chiusi i rubinetti del credito continuano a essere pericolosamente attratti dai guadagni facili e dagli investimenti d’azzardo. La crescita dei derivati in 12 mesi, pari a circa 4 miliardi, non e’ probabilmente significativa in valore assoluto, ma e’ certamente un dato allarmante da non sottovalutare’

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -