Donna senza una gamba, le riducono la pensione

invalidi8 lug – Imperia – Nel 1987, giovane adolescente, perde una gamba in un terribile incidente stradale su capo Mele e le viene riconosciuta l’invalidità al 100%. Ma 25 anni dopo secondo l’Inps, la percentuale deve scendere addirittura al 70%, che, per lei, vuol dire stop a ogni aiuto economico.

Corte Costituzionale: illegittima la supertassa sulle pensioni d’oro

È la disavventura che sta capitando all’imperiese Cinzia Denegri, 44 anni madre di un bambino di 5, che non si rassegna a quella che ritiene una ingiustizia subita. «Sostengono che sono praticamente guarita – dice la Denegri – ma non mi sembra che la gamba mi sia ricresciuta, purtroppo. Anzi con gli anni sono aumentate le difficoltà di deambulazione con conseguenze negative, dolore e problemi di mobilità a livello delle anche e cosa ancora più grave, non mi è mai passata la cosiddetta sindrome dell’ “arto fantasma”, in pratica continuo a sentirlo. La gamba mi duole certe volte come se me la tagliassero, una sensazione terribile che riesco a contenere solo con l’uso di farmaci. E’ una condizione non semplice da superare e da tenere sotto controllo».

Siamo di fronte a un triste gioco di numeri e di percentuali in base ai quali vengono stabiliti i sostegni economici alle persone in difficoltà. Cinzia Denegri è impiegata part –time nella biblioteca comunale, ma, avendo la commissione medica centrale dell’Inps di Roma abbassato la sua percentuale di invalidità al 70% la donna ha perso il diritto all’ integrazione di 246,73 euro al mese. secoloxix



   

 

 

1 Commento per “Donna senza una gamba, le riducono la pensione”

  1. adriano santato

    gli sta ricrescendo la gamba?

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -