Crisi, Morelli: “tocca a noi giovani imprenditori, ‘scateniamoci'”

morelli7 giu. – Le difficolta’ ci sono ma non bisogna tirarsi indietro, “tocca a noi, scateniamoci”. Con queste parole, che riprendono il titolo del convegno di Santa Margherita (‘Scateniamoci, liberiamo l’Italia da vincoli e catene’) il presidente dei giovani imprenditori di Confindustria Jacopo Morelli, nel suo intervento, ha voluto ‘spronare’ quanti si trovano a dover chiudere le proprie aziende o a licenziare i dipendenti.

“Dobbiamo cambiare la nostra cultura – ha detto – sapere che l’errore non e’ nel fallimento ma in uno scopo meschino. Insieme dobbiamo riuscire a costruire un sistema in cui non valga piu’ la regola ‘se vinciamo vince l’Italia, se perdiamo, perdiamo da soli”. Quanto alle risorse “ci sono. Ma non dobbiamo disperderle – sottolinea Morelli -. Dobbiamo rimetterle in circolo e rimuovere quei vincoli che ci frenano e creano divisione. Sono quei ‘lacci e lacciuoli’ di Luigi Einaudi e poi di Guido Carli.
Quei lacci che oggi, sono diventati catene”. “Noi siamo qui per dire – ha concluso il presidente Morelli – che e’ tempo di ‘scatenarci’: ovvero di liberarci da quegli anelli che strozzano l’Italia”.



   

 

 

1 Commento per “Crisi, Morelli: “tocca a noi giovani imprenditori, ‘scateniamoci'””

  1. Volete far qualcosa? Accettate le idee che i vostri dipendenti o gli inventori vi propongono. Fate ricerca, sperimentazione. Non rincorrete la Cina ma chiedetevi come diventare il nuovo Giappone…

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -