Gay pride: “Tutti bravi a fare i ….. col …. degli altri”. Idem:”I diritti lgbt sono diritti umani”.

gay-prideRoma, 6 giu – Roma città aperta, Palermo capitale dei diritti: il Gay Pride 2013 tocca molte città italiane e per la prima volta lancia una piattaforma comune per l’uguaglianza e la parità dei diritti di omosessuali, lesbiche, persone lgbt. A Roma il 15 giugno e a Palermo il 22 le due manifestazioni clou accompagnate da un ricco calendario di eventi. E al Pride ci sarà anche il governo: già annunciata la partecipazione, il 14 giugno, della ministra per le Pari Opportunità Josefa Idem a una tavola rotonda nel capoluogo siciliano intitolata “I diritti lgbt sono diritti umani”.

Non solo. Tra gli ospiti del Pride siciliano, insieme alla Idem, anche la presidente della Camera Laura Boldrini: segnale di attenzione al tema da parte del “Palazzo” dove da anni si discute (invano) di una legge sulle coppie di fatto e non è stato ancora colmato il gap con l’Europa per la mancanza di una normativa contro l’omofobia. Madrina della kermesse Maria Grazia Cucinotta, da sempre impegnata nella “lotta contro i pregiudizi”. “Bisogna partire dalla politica – spiega l’attrice – bisogna avere leggi che tutelino i propri diritti, al di là di tutto lottiamo contro i pregiudizi”.

A Roma il Pride sfilerà “per liberare il Paese dai bigottismi e dagli integralismi che lo hanno frenato” e per rivendicare “pari dignità”. Proprio nella Capitale si sono susseguiti alcuni episodi di omofobia ma la città, osserva Andrea Maccarrone portavoce del Pride romano, non si può dire intollerante. “Sono aumentate anche le denunce degli episodi di violenza – sottolinea -, è un segnale positivo, vuol dire che c’è una reazione, una maggiore visibilità, una maggiore voglia di denunciare e non accettare più i soprusi”.

Nella Capitale, intanto, si muove anche la politica: in discussione in commissione Giustizia alla Camera la legge contro l’omofobia, mentre Giancarlo Galan ed altri esponenti del Pdl hanno presentato un disegno di legge sulle unioni omoaffettive. Ma la chiave di volta, ribadisce Maccarrone, deve essere una parità vera. “Noi – conclude – chiediamo piena uguaglianza, noi chiediamo il matrimonio ugualitario per le coppie omosessuali”. E il governatore della Sicilia Rosario Crocetta avverte: “In tema di matrimonio gay l’Italia vuole stare con la Francia, la Germania e l’Olanda o con la Lituania? Vogliamo essere il fanalino di coda dei diritti?”.



   

 

 

1 Commento per “Gay pride: “Tutti bravi a fare i ….. col …. degli altri”. Idem:”I diritti lgbt sono diritti umani”.”

  1. ANNA MARIA NEBBIOSO

    a me i loro diritti possono andar bene, ma c’è veramente bisogno di mettere i loro corpi nudi davanti a tutti anche minorenni? violandone così la mente ed i sentimenti, e dove stà la libertà degli altri? (NOI non gay) il nostro senso del pudore non merita altrettanto rispetto???

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -