Nella UE il 21% dei carcerati sono stranieri, con punte del 30%

carceri3 mag – Il sovraffollamento delle carceri e’ un problema che interessa la meta’ delle amministrazioni penitenziarie europee. Nel settembre 2011, le carceri erano utilizzate al massimo delle capacita’ delle strutture, con una media di 99,5 detenuti per 100 posti. Il sovraffollamento resta uno dei problemi principali, anche se la popolazione carceraria e’ leggermente diminuita (del 2%) nel 2011: nel settembre 2011, gli istituti penitenziari europei contavano 1.825.356 detenuti, rispetto a 1.861.246 nel 2010.

Viceversa, il tasso medio della popolazione carceraria europea e’ aumentato, passando da 149 a 154 detenuti per 100.000 abitanti nel 2011, poiche’ il numero di detenuti non aumenta e diminuisce nello stesso modo in tutti i paesi.

Sono i dati che emergono dall’indagine 2011 sulle statistiche penali annuali del Consiglio d’Europa, pubblicata oggi.

La maggior parte delle condanne definitive (17,5%) e’ legata alla violazione delle leggi sugli stupefacenti e ai furti (sempre il 17,5%), seguiti da furti aggravati (12%) e omicidi (12%).

L’eta’ media della popolazione carceraria e’ di 33 anni e le donne rappresentano il 5,3% del totale dei detenuti. In media il 21% dei carcerati sono stranieri, con punte del 30% nei paesi dell’Europa occidentale.

Il 21% dei detenuti si trova in stato di detenzione provvisoria e il 27% in attesa della pena definitiva.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -