Terzi: non mi dimetto, i marò non rischiano la pena di morte

terzi

22 mar – L’Italia non sta mandando i suoi due marò “allo sbaraglio, incontro a un destino ignoto; non rischiano la pena di morte”. E’ quanto ha affermato il ministro degli Esteri Giulio Terzi, in un’intervista a Repubblica, dopo la decisione di consentire il rientro in India di Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, accusati di omicidio dalle autorità indiane in relazione alla morte di due pescatori locali nel febbraio 2012.

“Senza lo strappo non avremmo potuto contrattare con il governo indiano le condizioni attuali, che prevedono per loro condizioni di vivibilità quotidiana e la garanzia che non verrà applicata la pena massima prevista per il reato di cui sono accusati”, ha spiegato il ministro, dicendosi convinto che “la mossa di riportarli in Italia e comunicare che non sarebbero rientrati abbia avuto l’effetto che ci aspettavamo, clamore a parte”.

Con l’India, ha proseguito Terzi, si è riaperto “un canale di comunicazione diplomatica e giuridica che si basa sul mutuo rispetto, come ha chiesto l’Onu più volte. Ora non ci sono più “le preoccupazioni che avevamo in precedenza”.

E ai tanti che invocano le sue dimissioni, Terzi ha risposto: “non ne vedo il motivo. In questi mesi abbiamo lavorato con impegno, cercando sponde diplomatiche e giuridiche per risolvere la situazione”. “Dimettermi? Io faccio parte di un governo dimissionario. E le dimissioni, se è per questo, me le chiedono sin da quando la nave Enrica Lexie è attraccata nel porto di Cochi, con polemiche e strumentalizzazioni che ritengo del tutto ingiustificate”, ha concluso.

Dal canto suo, il ministro degli Esteri indiano, Salman Khurshid, ha lodato la decisione del governo italiano di rinviare in India i due fucilieri: “La diplomazia continua a lavorare, anche quando si pensa che tutto sia perduto”, ha detto Khurshid.

La decisione di farli tornare in India è stata stabilita ieri, dopo un incontro del premier Mario Monti con i due fucilieri. Una nota di palazzo Chigi ha spiegato che il governo ha ricevuto “assicurazione scritta sul trattamento” che riceveranno i due militari italiani e sulla “tutela dei loro diritti fondamentali”. tmnews



   

 

 

1 Commento per “Terzi: non mi dimetto, i marò non rischiano la pena di morte”

  1. Il vampiro e tutti i suoi ministri sono feccia. Hanno portato l’italia al collasso e l’hanno umiliata con la questione dei marò. Si confrontano con gli USA e fanno finta di non ricordare cosa successe con la strage della funivia.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -