Ilva, Confindustria: il Parlamento fa le leggi, la magistratura non le applica

iva2

19 gen. – Il blocco dell’attivita’ dell’Ilva “comporta conseguenze devastanti per l’intera industria italiana e danni irreversibili al comparto siderurgico e al suo indotto. Non possiamo permetterci di rinunciare alla vocazione industriale del nostro Paese e per questo chiediamo al governo di intervenire con forza”.

Lo ha detto il direttore generale di confindustria, Marcella Panucci, al tavolo in corso a Palazzo Chigi. “Il mancato sblocco dei materiali sulla banchina – ha aggiunto Panucci – crea problemi in termini di fornitura di prodotti siderurgici: le imprese italiane che si approvviggionano da Ilva hanno grandi difficolta’ a trovare forniture sostitutive”.

Per Confindustria “in questa situazione si e’ verificato un ‘corto circuito’ della democrazia: c’e’ un Parlamento che fa le leggi e una magistratura che non le applica. Siamo molto preoccupati per l’immagine pessima del nostro Paese all’estero”. Viale dell’Astronomia si chiede infine “come si pensa di attrarre investimenti se non garantiamo a chi investe le tutele minime di uno stato di diritto?”.



   

 

 

1 Commento per “Ilva, Confindustria: il Parlamento fa le leggi, la magistratura non le applica”

  1. La Magistratura dovrebbe applicare le leggi, per mandato costituzionale, non le proprie ideologie.
    Questo vulnus è gravissimo e fa danni immensi, mentre qualcuno si avvantaggia in modo personalistico dei danni che fa alla nazione.
    Secondo me.

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -